Calcio: il Licata fa la voce grossa, sconfitto il Palermo | Foto e Pagelle :ilSicilia.it
Agrigento

ROSANERO ANCORA A +7 SUL SAVOIA

Calcio: il Licata fa la voce grossa, sconfitto il Palermo | Foto e Pagelle

di
23 Febbraio 2020
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana
Licata-Palermo, foto di Fabio Lana

Brutta sconfitta per il Palermo, battuto dal Licata con il punteggio di 2-0. I rosanero vengono subito messi sotto da un gol di Daniello al 10′, replicato dal compagno di squadra Convitto al 79′.

Una vittoria tutto sommato meritata per gli uomini di mister Campanella, bravi a leggere la partita e a sfruttare gli spazi nella ripresa. Rosario Pergolizzi ha invece molto da rimproverarsi per la brutta prestazione offerta nel primo tempo. Qualcosa di meglio si è vista nella ripresa, nella quale i rosanero centrano addirittura due legni.

Le buone notizie arrivano però dagli altri campi, dove il Football Club Messina è riuscito a battere il Savoia per 1-0, nonostante la doppia inferiorità numerica. Il Palermo rimane così a +7 sulla sua diretta inseguitrice, in attesa di fronteggiare domenica prossima il Nola.

LE FORMAZIONI

LICATA: 1 Ingrassia, 4 Doda, 5 Maltese (Cap.), 9 Cannavo, 10 Convitto, 16 Adeyemo, 19 Porcaro, 20 Mazzamuto, 22 Diaby, 23 Daniello, 28 Civilleri

A disposizione: 72 Callea, 2 Battimili, 3 Enea, 6 Cassaro, 8 Sangiorgio, 13 Mangano, 15 Greco, 18 Rinoldo, 25 Manfre.

Allenatore: Giovanni Campanella.

PALERMO (4-3-2-1): 1 Pelagotti, 23 Doda, 19 Lancini, 54 Peretti, 24 Crivello, 6 Martinelli, 25 Mauri, 33 Langella, 30 Silipo, 25 Floriano, 14 Ficarrotta

A disposizione: 22 Fallani, 4 Accardi, 5 Ambro, 8 Martin, 9 Ricciardo, 18 Lucca, 32 Sforzini, 73 Kraja, 75 Felici.

Allenatore: Rosario Pergolizzi.

IL MATCH

Rosario Pergolizzi schiera a sorpresa Ficarrotta, con Sforzini che scala in panchina. Assente Vaccaro per infortunio, spazio in campo per Manuel Peretti, con Crivello spostato sulla fascia. Al 3′ prima palla gol della partita per Ficarrotta. L’attaccante rosanero calcia al volo di collo sinistro, ma Ingrassia è attento e devia in angolo.

Licata-Palermo, foto di Fabio Lana

Al 11′ però è il Licata a spezzare l’inerzia dell’incontro e a passare in vantaggio. Bella percussione sulla destra di Daniello che calcia in corsa di destro dai venti metri. Il numero 23 gialloblu effettua una bellissima conclusione che si insacca all’incrocio dei pali, Licata-Palermo 1-0.

La formazione di casa ci mette più grinta e pressa a tutto campo, con la compagine rosanero che non riesce a trovare spazi importanti. La partita si fa intensa e gli animi si incattiviscono, con l’arbitro impegnato a stemperare gli animi. Al 36′ arriva la prima ammonizione della gara in casa Palermo nei confronti di Crivello. Sugli sviluppi del calcio piazzato, il Licata sfiora il raddoppio con un cross tagliato di Porcaro, che Convitto però non riesce a girare in porta.

Al 43′ secondo giallo in casa rosanero per Mauri, per un brutto fallo a gamba tesa su Mazzamuto. Un minuto dopo, ammonizione anche in casa Licata per Diaby. Dopo due minuti di recupero, si spegne il primo tempo con i padroni di casa avanti per 1-0 su un Palermo apparso fin troppo lezioso.

LA RIPRESA

I rosanero partono subito forte e sfiorano il gol del pari dopo soli tre minuti, prima con una conclusione da posizione defilata di Floriano, contrata bene da Ingrassia, e poi con Silipo, abile a fiondarsi sulla respinta ma meno a concludere, con la palla che finisce alta sopra la traversa.

Ma il fantasista ex Roma ci riprova due minuti dopo, centrando però il legno a causa di una deviazione determinante del portiere. E’ sempre Silipo a rendersi pericoloso al decimo, ma la sua conclusione di esterno sinistro finisce larga. Nella stessa azione, ammonito il capitano del Licata Maltese per un brutto fallo su Martinelli.

Quattro minuti dopo, primo cambio in casa rosanero: fuori Peretti e dentro Lucca. Al 61′ grande chance per Floriano, da solo in area piccola, ma il suo piatto destro viene intercettato da un grande intervento dell’estremo difensore del Licata, che devia in angolo. A metà secondo tempo Pergolizzi inserisce Felici al posto di Silipo.

Al 68′ Convitto fa una grande cosa, liberandosi al tiro con un sombrero, ma la sua conclusione termina di poco alta sulla traversa. Due minuti dopo è ancora il Licata a rendersi pericoloso: bella discesa sulla destra che serve in area Convitto, ma il fantasista si fa contrastare da Lancini e la sfera termina in angolo.

LICATA PERICOLOSO IN CONTROPIEDE

Licata-Palermo, foto di Fabio Lana

Al 72′ è proprio il centrale rosanero a sfiorare il gol. Calcio d’angolo di Floriano dalla sinistra sul quale si fionda Lancini di testa, ma la sua conclusione termina la sua corsa sull’incrocio dei pali. Un minuto dopo ci prova l’esterno rosanero ex Bari, ma il tiro esce sbilenco e va fuori. Il Licata appare sulle gambe, sfinito dal pressing effettuato durante la gara, anche se continua a rendersi pericoloso in contropiede. Al 75′ è ancora Convitto a provarci, ma il numero 10 stavolta è egoista e preferisce concludere di potenza invece che servire Cannavò, palla fuori.

Mister Campanella vede i suoi in debito d’ossigeno ed effettua un cambio, fuori Adeyemo e dentro Cassaro.

Al 79′ il Palermo subisce l’ennesimo contropiede e viene punito. Lancio di Civilleri dalla trequarti a servire Convitto, perso da Crivello. Lancini buca l’intervento e consente al fantasista gialloblu di superare con un bel pallonetto l’incolpevole Pelagotti. Incredibile al Liotta, Licata-Palermo 2-0.

Al minuto ottantuno altro cambio nel Licata, fuori l’assistman Civilleri e dentro Sangiorgio. Nel Licata, fuori Convitto e dentro Manfre, mentre il Palermo inserisce Ambro al posto di Floriano. Dopo sei minuti di recupero, termina l’incontro, Licata-Palermo 2-0.

LE PAGELLE

Pelagotti 6: Non può nulla sui due gol, per il resto poco impegnato.

Doda 5,5: Poco incisivo in fase offensiva.

Lancini 4,5: Si perde Convitto sul gol del 2-0. Troppo nervoso in campo, continua ad avere limiti caratteriali rischiando più volte il giallo.

Peretti 5: Male il centrale rosanero, subisce la pressione avversaria soprattutto nel primo tempo.

Crivello 5: Al di sotto delle sue possibilità

Martinelli 4,5: Da troppe partite l’ombra di se stesso, passa più tempo a protesta con l’arbitro che a giocare.

Mauri 5: Pergolizzi gli concede una chance, visto il periodo di forma di Martin, ma lui la spreca.

Langella 5,5: Ci mette il cuore ma non basta.

Floriano 5: Si divora il gol del possibile pareggio, poi incide poco sul resto dell’incontro.

Silipo 6,5: L’unico davvero pericoloso dei suoi, almeno fino a quando Pergolizzi decide inspiegabilmente di farlo uscire.

Ficarrotta 4,5: Troppo nervoso e poco lucido, spreca la maglia da titolare concessa.

Lucca 6: Fa quello che non fa Ficarrotta in una partita. Il ragazzo ha stoffa.

Felici s.v.

Ambro s.v.

Pergolizzi 3: Non è la prima partita in cui si scrive che il Palermo non ha un gioco strutturato. In certe partite la cosa si evidenzia di più ed oggi è una di quelle. Campanella domina la partita dal punto di vista tattico, mentre lui sbaglia persino la formazione, non riuscendo neanche ad indovinare i cambi. Ma abbiamo anche scritto che la fortuna è una sua compagna di viaggio e lo si vede anche oggi, visto il risultato del Savoia a Messina. Rosanero che rimangono a +7, per oggi può andare bene così.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.