Calcio: il Palermo cala il poker, 4-1 alla Cittanovese | Le Pagelle :ilSicilia.it
Palermo

ROSANERO ANCORA A PUNTEGGIO PIENO

Calcio: il Palermo cala il poker, 4-1 alla Cittanovese | Le Pagelle

6 Ottobre 2019

Il Palermo vince 4-1 contro la Cittanovese, conquistando i tre punti e mantenendo così il punteggio pieno in classifica. I rosanero partono subito a razzo grazie ad un gol da vero attaccante di Giovanni Ricciardo. Al 23′ i rosanero raddoppiano con Edoardo Lancini, sugli sviluppi di un angolo. Alla mezzora il Palermo triplica con il rigore trasformato da Ricciardo.

Un paio di minuti dopo la Cittanovese prova a riaprire la gara con il gol di Giorgiò, che batte di sinistro Pelagotti. Nella ripresa il Palermo si limita a gestire, trema un pò sulla traversa di Traviglianiti ma poi la chiude grazie alla rete del neo entrato Sforzini.

IL MATCH

Mirri consegna la maglia al cardinale Lorefice – Foto di Giuseppe Bertolino

Giornata soleggiata sul capoluogo siciliano, con un vento che rende decisamente gradevole la temperatura. Qualche novità in casa rosanero, con l’inserimento di Ambro e di Accardi dal primo minuto, al posto dell’infortunato Santana e di Vaccaro.

In casa Cittanovese nessuna novità rispetto alla vigilia, con la formazione di mister Ivan Franceschini che cerca l’impresa al Renzo Barbera. Circa quindicimila i tifosi rosanero presenti allo stadio, arbitra il sig. Roberto Lovison della sezione di Padova. Nel prepartita, il presidente della SSD Palermo, Dario Mirri, ha consegnato una maglia celebrativa all’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice.

PRIMO TEMPO

Alla prima occasione il Palermo passa subito in vantaggio. Bella percussione sulla destra di Felici che mette un pallone in mezzo per Giovanni Ricciardo. La prima conclusione di testa viene contrata dalla difesa, ma sulla seconda di destro nulla può fare la difesa della Cittanovese. Dopo solo 1′ i rosanero sono già in vantaggio per 1-0.

All’undicesimo il Palermo si rende ancora pericoloso con una bella conclusione dai venticinque metri di Martin, parata in due tempi dal portiere Spataro. I ritmi calano vistosamente, con gli uomini di Pergolizzi che rischiano il meno possibile mantenendo il possesso palla. L’allenatore rosanero prova anche qualche nuova soluzione tattica, avanzando Felici al fianco di Ricciardo e giocando quindi con un 4-3-1-2.

Palermo - CittanoveseIntorno alla metà del primo tempo, la Curva Nord ha tributato il proprio ultimo saluto a Bruno Palumbo, tifoso rosanero e storico fondatore degli Angeli della Nord.

Al 23′ il Palermo raddoppia grazie al primo gol in campionato di Edoardo Lancini. Il difensore centrale palermitano è stato bravo ad approfittare di una mischia in area di rigore e a ribattere in rete un fortunoso rimpallo offensivo. Palermo – Cittanovese 2-0.

Al minuto ventotto bella incursione di Mattia Felici, il cui sinistro però incoccia l’opposizione di un difensore avversario, con il pallone che incoccia un difensore avversario e si spegne in angolo. Sull’angolo, Martin batte corto per Kraja che mette in mezzo un pallone interessante che Accardi spedisce in rete. L’arbitro però annulla per fuorigioco dello stesso difensore, assegnando al contempo un rigore ai rosanero per un fallo di mano in area. Sul dischetto si presenta Ricciardo, che realizza con l’aiuto della traversa. Palermo – Cittanovese 3-0 alla mezzora.

Il Palermo si addormenta e la Cittanovese ne approfitta per accorciare le distanze. Cross basso dalla sinistra che trova perfettamente Giorgiò in area. L’attaccante calabrese è lesto ad inserirsi e a battere di sinistro verso la porta, trafiggendo Pelagotti. Al 34′ Palermo – Cittanovese 3-1.

Al 41′ primo giallo della partita per il capitano della Cittanovese Cianci, per un fallo tattico su Felici. L’arbitro Lovison manda le squadre negli spogliatoi senza recupero, Palermo – Cittanovese 3-1.

SECONDO TEMPO

Il secondo tempo si apre con una conclusione pericolosa di Martin da calcio piazzato, palla deviata in corner. Al sesto, primo giallo tra le fila rosanero per Martinelli, che stoppa con un fallo un’azione offensiva dei giallorossi. La Cittanovese cambia assetto, alzando i propri esterni sulla linea di centrocampo e passando ad un 3-5-2 più offensivo.

Palermo - Cittanovese
Foto di Giuseppe Bertolino

Il Palermo rallenta i propri ritmi, ma continua a rischiare su proprie disattenzioni difensivi. Al minuto quindici della ripresa, Doda perde un pallone sanguinoso consentendo la ripartenza di Lavilla, che mette un pallone in mezzo per Tripicchio che di sinistro non riesce a trovare la porta. Quando attacca però i rosanero sono incontenibili: bella incursione di Ricciardo che salta tre avversari, ma al momento di calciare la palla gli rimbalza e il tiro finisce alto sulla traversa.

A metà secondo tempo, Ivan Franceschini effettua un doppio cambio: fuori Giorgiò e Tripicchio, dentro Giaimo e Cataldi. Il Palermo cerca di tenere il pallone del gioco, anche se la condizione atletica non è ancora delle migliori. Pergolizzi nota il problema fisico dei suoi ed effettua il suo primo cambio, fuori Kraja e dentro Langella.

La Cittanovese risponde inserendo Mazzone al posto di Sessa. Al 76′ i calabresi hanno la chance di rientrare in partita ma il sinistro di Taviglianiti si stampa sulla traversa.

Pergolizzi toglie Ricciardo e mette Sforzini. La mossa paga subito e il Palermo cala il poker. Felici si inserisce sulla destra come una lama calda nel burro, cross al bacio per il neo entrato che di testa batte Spataro. Al minuto settantotto Palermo – Cittanovese 4-1.

Franceschini richiama in panchina Silenzi per inserire Garcia. I rosanero, a risultato acquisito, abbassano i ritmi e il baricentro, per preservare le energie in vista dei prossimi impegni. Pergolizzi toglie dal campo Ambro, per inserire Vaccaro. A tre minuti dalla fine arriva anche il quarto cambio in casa rosanero, fuori Martinelli e dentro Ficarotta. Nel recupero il mister palermitano concede la standing ovation del Renzo Barbera a Felici, inserendo dalla panchina Ferrante.

LE FORMAZIONI

PALERMO (4-3-2-1): 1 Pelagotti, 4 Accardi, 19 Lancini, 24 Crivello, 23 Doda, 8 Martin, 6 Martinelli (cap), 5 Ambro, 73 Kraja, 75 Felici, 9 Ricciardo.

A disposizione: 22 Fallani, 14 Ficarrotta, 17 Ferrante, 20 Mendola, 21 Lucera, 27 Vaccaro, 32 Sforzini, 33 Langella, 54 Peretti. Allenatore: Rosario Pergolizzi.

CITTANOVESE (5-3-2): 1 Spataro, 2 Cordova, 3 Paviglianiti, 4 Sessa, 5 Neri, 6 Cianci (cap.), 7 Lavilla, 8 Cuomo, 9 Silenzi, 10 Tripicchio, 11 Giorgio.

A disposizione: 12 Latella, 13 Isabella, 14 Cardamone, 15 Mazzone, 16 Amato, 17 Giaimo, 18 Aloia, 19 Garcia, 20 Cataldi. Allenatore: Ivan Franceschini.

LE PAGELLE

Pelagotti 5,5 : Il portiere rosanero non viene mai impegnato se non in occasione del gol avversario, quando si lascia passare il pallone in mezzo alle gambe. Deve essere più reattivo.

Accardi 6,5 : Dopo l’infortunio al setto nasale, il numero 4 rosanero rientra da titolare con la grinta giusta. La sua partita poteva essere anche coronata dal gol, se non fosse che l’arbitro lo annulla per un sospetto fuorigioco.

Lancini 7 : Gol a parte, la sua prestazione è di assoluto spessore. La sua solidità difensiva dà sicurezza all’intero reparto.

Crivello 6,5: I suoi movimenti in campo sono poco dispendiosi ma molto efficaci, da vero difensore navigato.

Doda 6: Il terzino rosanero non si discute dal punto di vista difensivo, ma deve ancora trovare i tempi giusti d’inserimento per aiutare i suoi compagni sulla destra.

Martin 6,5: Geometrie, solidità e palloni precisi al millimetro.

Martinelli 6: Senza Santana, il centrocampista palermitano ha maggiori possibilità in fase offensiva. Garantisce una prestazione di qualità e quantità.

Ambro 6: Riproposto da titolare, Pergolizzi lo avanza trequartista e il giocatore ripaga la fiducia mettendo a ferro e fuoco la difesa avversaria.

Kraja 6,5: Sia da interno di centrocampo che da esterno puro non fa mai mancare il suo apporto in fase offensiva. Un vero martello pneumatico.

Felici 7: Partita tecnicamente da urlo per il giovane classe 2001. Schierato oggi da seconda punta, il numero 75 ispira il gol del vantaggio rosanero, continuando a proporre giocate da categoria superiore.

Ricciardo 8: La sua doppietta lo consolida come miglior giocatore della partita. Se solo la prima punta rosanero garantisse la stessa produttività anche in trasferta, il Palermo sarebbe a cavallo.

Pergolizzi 7: Il tecnico rosanero, dopo le dure parole a Rizzo Pinna, schiera un 4-3-1-2 leggermente diverso rispetto alla sua formazione tipo. La sua scelta di mettere Accardi ed Ambro si rivela vincente. Quando è sua, è sua.

Langella s.v.

Sforzini 7: Neanche il tempo di mettere piede in campo, che butta subito la palla in rete. Al posto giusto al momento giusto.

Vaccaro s.v.

LEGGI ANCHE

Calcio: il Palermo attende la Cittanovese, l’intervista al mister Ivan Franceschini

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.