Calcio, il Palermo cala il poker: vittoria sofferta nei minuti finali :ilSicilia.it
Palermo

vola a +7 dal Savoia

Calcio, il Palermo cala il poker: vittoria sofferta nei minuti finali

9 Febbraio 2020

Vittoria in trasferta per il Palermo sull’ostico campo della Cittanovese. Il match – concluso col risultato di 2-4 per i rosanero – è ricco di emozioni: sei gol, due rigori (uno per parte), un cartellino rosso e quasi otto minuti di recupero.

Il Palermo va in svantaggio dopo appena tre minuti di gioco con un gol di Giaimo, ma poi riesce a ribaltare il risultato con i gol al 31’ di Floriano (su calcio di rigore concesso per un fallo in area su Felici, atterrato da Cianci) e al 47’ Langella (che, su assist di Vaccaro, con il destro infila Latella).

Al 75′ rigore anche per i padroni di casa per un fallo in area di Vaccaro su Neri; dal dischetto trasformazione con tanto di cucchiaio per Tripicchio.

Da lì una girandola di colpi di scena: Lancini si becca un’espulsione che rischia di mettere KO il Palermo.

Ma proprio sul finale arrivano i tre punti: al minuto 88 gol di testa di Peretti che con il sinistro in area da posizione defilata sfrutta un cross di Langella e insacca.

Dopo otto minuti di recupero c’è tempo anche per calare il poker, col gol agli sgoccioli di Floriano: in contropiede, con il portiere avversario in attacco, sfrutta un lancio di Felici e l’assist di Ficarotta per depositare il pallone in rete.

Finisce 2-4 per i rosa, che allungano così in classifica sul Savoia: adesso il Palermo è a +7, visto che il Savoia non va oltre lo 0-0 sul terreno del Roccella.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.