Calcio: il Palermo getta il cuore oltre l'ostacolo, punto d'oro contro il Catanzaro | LE PAGELLE :ilSicilia.it
Palermo

I ROSANERO A QUOTA 2 IN CLASSIFICA

Calcio: il Palermo getta il cuore oltre l’ostacolo, punto d’oro contro il Catanzaro | LE PAGELLE

di
4 Novembre 2020

Nel turno di recupero valevole per la 7^ giornata del campionato di Serie C, il Palermo trova un importantissimo pari contro il Catanzaro, pareggiando per 1-1.

I rosanero, già rimaneggiati dall’emergenza coronavirus, si ritrovano addirittura in 9 contro 11 a quindici minuti dalla fine. Ma reagiscono e, dopo il rigore realizzato da Evacuo, trovano il pari nel finale con il calcio piazzato di Almici.

Il club di viale del Fante sale così a quota 2 in classifica. Una situazione che rimane problematica, ma con una graduatoria che, quantomeno, inizia a muoversi.

LE PAGELLE

Pelagotti 7: Salva il risultato su Evacuo nel primo tempo, contribuendo a portare a casa un punto d’oro.

Almici 6,5: Gioca un’ottima partita e getta le basi per l’insperato gol del pareggio.

Palazzi 5,5: Sottotono. Poco protetto dalla mediana, commette troppi errori di posizione.

Marconi 5,5: Idem di Palazzi

Crivello 5: Viene espulso dall’arbitro in maniera incomprensibile, ma sull’occasione del rigore non può intervenire con quell’irruenza in area. Ingenuo.

Odjer 5,5: Bene in fase di costruzione, ma fa poca schermatura ad una difesa troppo esposta.

Broh 4: Deve imparare a gestirsi. Cerca di dare il 110%, anche quando non dovrebbe. La sua espulsione cambia in negativo la partita della squadra.

Kanoute 4: Si divora un gol fatto. Troppo acerbo.

Rauti 6: Si guadagna il fallo che porta al gol del pari. In generale cerca sempre di inserirsi nell’azione.

Valente 6: Ci prova e con continuità, ma non ha un riferimento davanti all’altezza.

Saraniti 3: Bomber più di nomina che di sostanza. Inesistente, per l’ennesima volta.

Peretti s.v.

Lucca s.v.

Accardi 6: Dà una mano ad un reparto in difficoltà. Fondamentale.

All.Filippi 7: Fa il massimo con il minimo a disposizione. Bravo.

SCELTE OBBLIGATE IN CASA PALERMO

Il Palermo, dopo due settimane di stop, torna in campo sul terreno del Catanzaro. Assenze pesanti in casa rosanero, a cominciare dal tecnico Roberto Boscaglia, ancora ai box a causa del covid-19. In panchina il club di viale del Fante ha a disposizione soltanto 5 giocatori di ruolo, di cui 4 difensori.

Il vice Filippi schiera un 4-2-3-1 obbligato, con Odjer e Broh a fare da frangiflutti in mediana. In avanti Kanoute, Rauti e Valenti giocano dietro l’unica punta Saraniti, preferito a Lucca.

Arbitra il signor Daniele Perenzoni, della sezione di Rovereto, con assistenti Caso (Nocera Inferiore) e Montagnani (Salerno).

LA PARTITA

Parte meglio il Palermo, consapevole del fatto che sbloccare subito il risultato permetterebbe di gestire meglio i 90 minuti. Al 20′ Kanoute ha un’occasione clamorosa per passare in vantaggio. Bel lancio a tagliare di Odjer che vede l’inserimento del numero 20 rosanero, il quale però allarga troppo il piatto destro e non trova la porta.

A metà primo tempo iniziano a fioccare i cartellini: gialli per Contessa e Riccardi in casa Catanzaro, mentre per la formazione siciliana finiscono sul taccuino Odjer e Rauti. Verso la mezzora sono i padroni di casa a salire di tono e a rendersi pericolosi. Prima ci prova Evacuo, ma il suo colpo di testa trova lo splendido colpo di reni di Pelagotti, che gli dice di no. Al 39′ però i giallorossi hanno un’altra occasione monumentale con Di Massimo, servito benissimo in area da Baldassin. L’avanti del Catanzaro è però troppo lezioso e grazia Pelafgotti con un anonimo pallonetto che si spegne alto sulla traversa.

La ripresa si apre subito con un colpo di scena. Fallo stupido di Broh a centrocampo che, già ammonito, si becca il doppio giallo e lascia i suoi in dieci. Filippi corre ai ripari: dentro Accardi e fuori uno spento Saraniti. Al 55′ doppio cambio nel Catanzaro: dentro Casoli e Carlini, fuori Baldassin e Garufo.

Ma il Palermo ci prova ancora su calcio piazzato al 62′ con Almici che, da posizione decentrata, prova un tiro a giro basso, ma trova la pronta risposta di Branduani. A metà della ripresa, il Catanzaro si sbilancia ancora di più: dentro Curiale e Corapi, fuori Altobelli e Riccardi.

IL RIGORE

Al 72′ episodio chiave della partita: lancio dalla mediana che trova Di Massimo in area. L’avanti giallorosso si inserisce e va verso Pelagotti. Crivello però lo contrasta di spalla e lo stende e in area. Per l’arbitro Perenzoni è calcio di rigore e rosso per il capitano rosanero. Sul dischetto si presa l’ex Trapani Felice Evacuo, che spiazza Pelagotti e porta il Catanzaro in vantaggio. Palermo sotto 1-0 nel punteggio e di ben due uomini in campo.

Al 75′ ammonito anche Odjer per un fallo al limite dell’area avversaria. Tre minuti dopo ultimo cambio per il Catanzaro: fuori Contessa e dentro Pinna. Al minuto ottantatré fuori Marconi e dentro Lorenzo Lucca.

LA PUNIZIONE DI ALMICI

La partita sembrava finita ma al minuto ottantotto i rosanero trovano il pari. Calcio di punizione insidioso conquistato da Rauti e calciato da Almici. Il tiro-cross insidioso viene deviato da un difensore del Catanzaro, che beffa Branduani. Al Ceravolo è clamorosamente 1-1.

Nel finale Filippi inserisce Peretti per difendere il pari dagli assalti del Catanzaro e ci riesce. Catanzaro-Palermo termina 1-1.

LE FORMAZIONI

CATANZARO: 22 Branduani, 3 Contessa, 5 Martinelli (C), 8 Verna, 13 Fazio, 17 Evacuo, 18 Di Massimo, 20 Riccardi, 23 Baldassin, 25 Altobelli, 32 Garufo. Allenatore: Calabro.

A disposizione: 12 Iannì, 33 Di Gennaro, 2 Cusumano, 4 Corapi, 6 Salines, 7 Curiale, 9 Di Piazza, 14 Riggio, 19 Pinna, 21 Risolo, 27 Casoli, 29 Carlini.

PALERMO: 1 Pelagotti, 29 Almici, 5 Palazzi, 15 Marconi, 6 Crivello (C); 19 Odjer, 21 Broh; 20 Kanoute, 23 Rauti, 14 Valente; 9 Saraniti. Allenatore in seconda: Filippi.

A disposizione: 22 Faraone, 2 Doda, 3 Corrado, 4 Accardi, 16 Peretti, 17 Lucca.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Cronaca

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.