Calcio: Il Palermo non si ferma più, asfaltato il Corigliano | Foto e Pagelle :ilSicilia.it
Palermo

ROSANERO ALLA DECIMA VITTORIA CONSECUTIVA

Calcio: Il Palermo non si ferma più, asfaltato il Corigliano | Foto e Pagelle

3 Novembre 2019
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo - Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Palermo Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Il Palermo calcio asfalta il Corigliano Calabro, battuto per 6-0. Ficarrotta apre le marcature, seguito nel primo tempo da Martin. Nella ripresa i rosanero dilagano prima con la doppietta di Ricciardo, poi con il gol di Martinelli ed infine con Sforzini in pieno recupero.

La formazione di Rosario Pergolizzi conquista quindi la decima vittoria consecutiva, mantenendo il punteggio pieno  e dispiegando così le proprie vele in classifica.

Giornata soleggiata al Renzo Barbera, con una temperatura intorno ai 23 gradi. Circa quindicimila i tifosi rosanero presenti, con un centinaio di tifosi del Corigliano Calabro ad occupare il settore ospiti.

Palermo - Corigliano
Palermo – Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino

Nel prepartita si è svolta una cerimonia, di fronte alla tribuna del Renzo Barbera, con cui il comune di Palermo, nella persona del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e alla presenza del cardinale Lorefice, ha fatto dono alla società rosanero di un mosaico raffigurante Santa Rosalia, patrona del capoluogo siciliano.

La sfida di oggi inaugura un ciclo di partite con cui il Palermo calcio darà accesso gratuito a duecento fedeli provenienti dalle varie congreghe della provincia.

PALERMO: 1 Pelagotti, 6 Martinelli (cap.), 8 Martin, 9 Ricciardo, 14 Ficarrotta, 19 Lancini, 23 Doda, 24 Crivello, 27 Vaccaro, 73 Kraja, 75 Felici. Allenatore: Rosario Pergolizzi.

A disposizione: 22 Fallani, 3 Bechini, 4 Accardi, 5 Ambro, 21 Lucera, 26 Mauri, 32 Sforzini, 33 Langella, 54 Peretti.

CORIGLIANO CALABRO: 1 D’Aquino, 3 Capuozzo, 6 Strumbo, 5 De Carlo, 2 Infusino, 4 Proto, 11 Cito, 8 Cosenza (cap.), 7 Nicodemo, 10 Catalano, 9 Talamo. All. Fabio De Sanzo

A disposizione: 12 La Cagnina, 13 Bianco, 14 Gifford, 15 Mazzocchi, 16 Balsama, 17 Khouaja, 18 Schena, 19 Braglia.

Arbitro: Maurizio Barbiero (Campobasso).

Assistenti: Matteo Peggiola (Legnago) – Maicol Cinotti (Livorno).

PRIMO TEMPO

La prima occasione dell’incontro è di marca calabra. Talamo è bravo ad inserirsi sul settore sinistro, ma il suo tiro di mancino è troppo centrale e Pelagotti para facile.

Al 7′ il Palermo mette in chiaro le cose e passa in vantaggio: Martin serve al limite dell’area Ficarrotta, che batte a giro di sinistro e batte D’Aquino per il gol del 1-0.

I rosanero sono in controllo della gara e cercano a più riprese il gol del raddoppio, prima con un destro di Doda, che termina alto sulla traversa, e poi con un sinistro di Martin, contrato dalla difesa avversaria. Al 17′, sugli sviluppi di un corner, Ficarrotta si trova sul sinistro il pallone del 2-0 ma svirgola e la palla termina fuori.

Palermo - Corigliano
Palermo – Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino

Al 21′ scontro in area del Corigliano che vede coinvolto Ficarrotta, colpito alla testa. L’attaccante rosanero rientra però prontamente in campo. Il Palermo unisce la tecnica al pressing, giocando sul velluto in fase offensiva e pressando alto in quella difensiva.

Al 27′ contropiede rosanero con Felici che, invece di servire Ficarrotta sulla destra, calcia dal limite trovando la respinta di D’Aquino; sulla respinta si avventa Ficarrotta ma calcia scoordinato e la sfera si alza sopra la traversa.

Al 34′ miracolo di D’Aquino su Ricciardo: l’attaccante rosanero gira bene di testa ma l’estremo difensore toglie il pallone dall’incrocio e devia in angolo.

Il Palermo spreca molto ma al 39′ trova il raddoppio: bell’azione di Felici sulla sinistra che rimette dietro, Ricciardo in spaccata allunga la palla per Martin che dai venti metri scaglia un destro potente che si insacca in rete.

Al 42′ Ricciardo potrebbe addirittura triplicare, ma sul cross di Ficarrotta vuole giocare di fino e il portiere del Corigliano riesce a salvare il risultato in uscita. Allo scadere della frazione di gioco, primo giallo della partita per Proto , che abbatte Felici lanciato in contropiede. Dopo un minuto di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi, Palermo – Corigliano 2-0.

SECONDO TEMPO

Primi due cambi nel Corigliano ad inizio ripresa: fuori Nicodemo e Proto, dentro Balsama e Schena. De Sanzo passa al 4-3-1-2, cercando di rendere la propria squadra più pericolosa in fase offensiva.

Al 4′ del secondo tempo Ficarrotta aggancia bene ma D’Aquino lo anticipa, per poi proporre un paio di dribbling da centrocampista affermato, strappando applausi dal pubblico del Barbera.

I ritmi iniziano a rallentare, con il Palermo che prova a far correre gli avversari cercando la stoccata vincente in contropiede.

Palermo Corigliano
Palermo Corigliano, foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino

Al 55′ l’arbitro Barbiero concede un calcio di rigore per un fallo ingenuo del portiere D’Aquino su Kraja. Sul dischetto si presenta Giovanni Ricciardo che calcia potente e centrale, battendo l’estremo difensore calabro. Palermo – Corigliano 3-0.

Il Palermo continua ad offendere e rischia di piazzare il quarto gol con Felici, che stoppa bene ma calcia troppo forte e la palla si innalza sulla traversa. Al 58′ episodio dubbio in area di rigore del Corigliano, con Ficarrotta trattenuto in area da Infusino, ma per l’arbitro non è rigore.

Terzo cambio nel Corigliano, fuori Capuozzo e dentro Mazzocchi. Al 61′ i rosanero calano il poker con Ricciardo: cross dalla destra Ficarrotta per l’attaccante rosanero che, trattenuto da un avversario non riesce inizialmente a deviare il pallone in area piccola, ma poi da terra riesce a colpire la sfera in mezza rovesciata e a trovare la deviazione vincente. Inutile il tentativo di salvataggio disperato di De Carlo, Palermo – Corigliano 4-0.

Primo cambio nel Palermo al 65′: fuori Edoardo Lancini e dentro Andrea Accardi. I rosanero continuano ad offendere i loro attacchi come una lama calda nel burro. Ficarrotta prima e Ricciardo poi sfiorano il quinto gol, ma D’Aquino salva il risultato. Al 68′ standing ovation per il numero 9 rosanero, sostituito da Sforzini.

Il Corigliano va in confusione e gli uomini di Pergolizzi sfiorano il gol a ripetizione con Felici, che però non trova la conclusione vincente. I calabri cercano di uscire fuori l’orgoglio e vanno vicini al gol con Catalano, il cui tiro a giro viene deviato magistralmente da Pelagotti in angolo.

Al 74′ il Palermo realizza il pokerissimo: incursione sulla sinistra di Vaccaro che trova il perfetto inserimento di Martinelli che di testa batte D’Aquino per il 5-0. Il centrocampista poi esce dal campo, lasciando il posto a Mauri. Fuori anche Ficarrotta per l’ingresso in campo di Raimondo Lucera.

De Sanzo effettua il quarto cambio: fuori Infusino e dentro Braglia. In casa rosanero esordio in campionato per Fallani, che sostituisce Pelagotti. A tre minuti dal novantesimo Lucera fa valere le sue doti tecniche, saltando diversi avversari e mettendo in mezzo un buon pallone per Sforzini, anticipato in maniera provvidenziale da De Carlo.

Un minuto dopo giallo per Doda, per un fallo tattivo sulla sua fascia di competenza. L’arbitro concede tre minuti di recupero. Nel finale gloria anche per Sforzini, che realizza di testa il gol del 6-0 su assist dalla sinistra di Vaccaro.

LE PAGELLE

Pelagotti 6: Chiamato in causa una sola volta, salva l’imbattibilità con un bell’intervento su Catalano

Doda 6,5: Partita di spinta sulla fascia destra, garantisce tante sovrapposizioni a Kraja e Ficarrotta

Crivello 6: Ordinaria amministrazione, tiene il polso della linea difensiva

Lancini 6: Sfiora il gol in un paio di occasioni, in fase difensiva gioca in maniera ordinata.

Vaccaro 6,5: Spinge tanto sulla sinistra e mette dentro pure l’assist del quinto gol di Martinelli

Martin 7,5: Mente e braccio del centrocampo rosanero, dispensa palloni importanti per i compagni e sferra un destro devastante che vale il gol del 2-0. Genio e sregolatezza.

Martinelli 7: Bravo ad inserirsi in occasione del quinto gol rosanero. Partita da incorniciare.

Kraja 6: Fa il suo senza fare cose eccezionali, ma garantisce quantità e qualità.

Felici 6: Meriterebbe un voto più alto, ma il suo egoismo costa diverse azioni importanti alla propria squadra. Deve giocare più con il collettivo.

Ficarotta 7,5: Partita di sostanza, coronata dal gol che apre le marcature. Incontenibile.

Ricciardo 6,5: Lavora per i compagni di squadra ma in fase offensiva spreca molto, forse troppo. Poi salva la sua prestazione realizzando prima il rigore del 3-0 e poi il gol del 4-0.

Accardi s.v.

Sforzini s.v.

Lucera s.v.

Mauri s.v.

Fallani s.v.

All. Pergolizzi 7: Partita perfetta sotto ogni punto di vista.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona