Calcio: il Savoia fa l'impresa, prima sconfitta per il Palermo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

IL SOGNO "PRIMATO" SI INFRANGE SUI CAMPANI

Calcio: il Savoia fa l’impresa, prima sconfitta per il Palermo | FOTO

di
10 Novembre 2019
Palermo - Savoia
Palermo - Savoiafoto di Giuseppe Bertolino
Palermo - Savoia
Palermo - Savoia, foto di Giuseppe Bertolino
Palermo - Savoia, foto di Pietro Minardi
Palermo - Savoia, foto di Pietro Minardi
Palermo - Savoia, foto di Giuseppe Bertolino

GUARDA FOTO IN ALTO

Prima sconfitta in campionato per il Palermo, battuto in casa dal Savoia. Di Diakite il gol che decide la partita, su un lancio dalla trequarti campana. A metà secondo tempo, espulso Ficarrotta, episodio che decide il match.

Pergolizzi ha dimostrato grossi limiti nel leggere i cambiamenti della partita, ritardando troppo i cambi.

IL RACCONTO DELLA PARTITA

Diciassettemila hanno popolato gli spalti del Renzo Barbera in questa seconda domenica di novembre. Temperatura gradevole, intorno ai 20 gradi. Il cielo è coperto, con un timido sole che, ogni tanto, fa capolino, sull’impianto siciliano.

Presente allo stadio anche il vice-presidente del Palermo Tony Di Piazza, giunto dagli USA per seguire la partita. Il proprietario della società rosanero ha seguito la partita in collegamento con la trasmissione TV “Quelli che il calcio“.

LE FORMAZIONI
Palermo - Savoia
Palermo – Savoia, foto di Pietro Minardi

PALERMO (4-3-2-1): 1 Pelagotti, 23 Doda, 24 Crivello, 19 Lancini, 27 Vaccaro, 8 Martin, 6 Martinelli (cap.), 73 Kraja, 75 Felici, 14 Ficarrotta, 9 Ricciardo.

A disposizione: 22 Fallani, 4 Accardi, 5 Ambro, 10 Rizzo Pinna, 11 Santana, 17 Ferrante, 21 Lucera, 26 Mauri, 33 Langella.

Allenatore: Rosario Pergolizzi.

SAVOIA (3-5-2): 99 Coppola, 23 Dionisi, 19 Guastamacchia, 3 Oyewale, 6 Poziello, 27 Rondinella, 21 Osuji, 18 Gatto, 29 Tascone, 10 Cerone, 58 Scalzone

A disposizione: 22 Prudente, 4 Giunta, 7 Romano, 17 Cavucci, 26 Riccio, 30 Laino, 71 D’Auria, 72 Paudice, 90 Diakite.

Allenatore: Carmine Parlato.

IL MATCH

PRIMO TEMPO

Prima occasione di marca rosanero. Verticalizzazione veloce di Martin per Felici, che è bravo a liberarsi e a servire Ficarrotta, che di sinistro prende un avversario.

La palla termina in corner, sul cui sviluppo Martin calcia dal limite un sinistro potente ma centrale, para Coppola. Il Savoia pressa alto, cercando di limitare le ripartenze rosanero.

Al quinto gol annullato a Ricciardo, bravo a battere il portiere campano ma la sua posizione era leggermente al di là della linea difensiva avversaria.

All’ottavo il Savoia si fa vedere con un destro di Rondinella dalla distanza, para facile Pelagotti. Un minuto dopo giallo per Martin, per un fallo sulla trequarti.

La partita è molto combattuta, ma di occasioni ne arrivano poche. Al 18′ il Savoia riparte in contropiede, ma Tascone spreca tutto sbagliando il passaggio in area per Scalzone.

IL PALERMO FATICA

Al 22′ destro potente di Kraja dal limite, Coppola respinge di pugno. I rosanero non riescono a giocare con continuità, pressati in maniera asfissiante dagli avversari.

La partita si mantiene cattiva. Al 29′ giallo per Cerone, per un fallo a centrocampo su Martin. Intorno alla mezzora arrivano anche i tifosi del Savoia, entrati in ritardo all’interno dell’impianto palermitano.

Palermo - Savoia
Palermo – Savoia, foto di Giuseppe Bertolino

Mister Parlato ha messo in campo una squadra quadrata, con Osuji sacrificato in pressing su Martin, per non permettergli di fare gioco.

Al 38′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il Savoia ha la più grande occasione del primo tempo. Mischia in area piccola, sulla respinta si avventa Rondinella che dal dischetto dell’area però calcia in curva.

Al 40′ Ficarotta viene steso al limite dell’area da Dionisi, ma l’arbitro da solo giallo non interpretando l’azione come chiara occasione da gol.

L’arbitro perde le redini della partita. Al 43′ netto fallo su Ficarrotta, ma l’arbitro non fischia. Sugli sviluppi dell’azione, altro fallo su Vaccaro. Il terzino rosanero accenna una reazione e l’arbitro ammonisce sia lui che Gatto.

Sul finire del primo tempo Cerone ci prova di testa, ma la palla è centrale e Pelagotti para facile. Si spegne così un brutto primo tempo, Palermo – Savoia 0-0.

A sei minuti dalla fine il carnet si arricchisce anche del nome di Langella, per un fallo in scivolata a centrocampo.

SECONDO TEMPO

Ad inizio secondo tempo, primo cambio in casa Savoia, fuori Scalzone e dentro Diakite. I campani avanzano un po’ il baricentro, passando al 3-4-1-2, con il neo-entrato ad affiancare Cerone in avanti.

Al 51′ è proprio il nuovo entrato ad andare vicino al gol. Cross di Tascone per Diakite che, in elevazione, colpisce di testa ma angola troppo e la palla va di poco a lato.

Il Palermo non incide e soffre il pressing avversario. Al 16′ Ficarotta salta un paio di avversari, poi viene steso da Oyewale. Per il giocatore campano arriva il giallo.

Pergolizzi effettua il primo cambio: fuori uno spento Kraja e dentro Cristian Langella. A metà secondo tempo Cerone ci prova da posizione decentrata, ma la palla va alta sopra la traversa.

Al 70′ l’episodio che segna il match. Ficarrotta viene steso sulla trequarti avversaria da Oyewale, l’arbitro non fischia. L’attaccante rosanero tira un calcio all’avversario e l’arbitro Calzavara lo espelle.

Al 75′ il Savoia passa in vantaggio. Lancio lungo dalla difesa per Diakite, che è bravo ad inserirsi e a battere Pelagotti sul secondo palo. Palermo – Savoia 0-1.

Doppio cambio nel Palermo: fuori Vaccaro e Pelagotti, dentro Fallani e Lucera. Pochi secondi dopo, dentro Santana e fuori Felici. Al 85′ Diakite può addirittura chiuderla, ma Fallani è bravo e respinge in angolo.

A due minuti dalla fine, Pergolizzi mette dentro anche Ambro al posto di Doda.

LE PAGELLE

Pelagotti 6: Incolpevole sul gol, per il resto mai chiamato in causa.

Doda 6: Difende bene, ma non spinge praticamente mai in fase offensiva.

Lancini 5: Perde Diakite in occasione del gol.

Crivello 5,5: Bene nel primo tempo, ma nel secondo tempo cala anche lui insieme a tutta la squadra.

Vaccaro 4,5: La più brutta partita da inizio anno. Mai in partita.

Martin 4,5: Osuji lo limita per tutta la partita e lui non riesce mai a divincolarsi dalla marcatura.

Martinelli 5: Quando Martin è marcato, il gioco dovrebbe passare da lui ma di acqua dal rubinetto non ne esce.

Kraja 5: Brutta partita per l’interno di centrocampo rosanero. Si vede poco in avanti e soffre tanto il pressing a centrocampo dei campani.

Felici 4:  Il suo amore per il pallone è da riservare per altre partite. Deve imparare l’arte della concretezza.

Ficarrotta 4,5: E’ l’unico oggi in grado di saltare l’uomo, ma nel secondo tempo perde la testa e si fa espellere.

Ricciardo 4,5: La più brutta prestazione da inizio anno.

Langella 5: Entra a freddo e si vede. Non azzecca un passaggio .

Ambro s.v.

Lucera 5: Incide poco o nulla sulla partita.

Fallani 6,5: Bravo a salvare il risultato su Diakite.

Pergolizzi 4: Cambi troppo tardivi. Quando c’è da cambiare schema di gioco, il mister rosanero dimostra i suoi limiti e si lascia scappare la sfida dalle mani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin