Calcio: la dea bendata sorride al Palermo, sconfitto il Giugliano | Le pagelle :ilSicilia.it

Calcio: la dea bendata sorride al Palermo, sconfitto il Giugliano | Le pagelle

1 Dicembre 2019

Il Palermo sbanca il Vallefuoco di Mugnago e batte il Giugliano con il risultato di 1-0. Decide il gol realizzato da Mattina Felici al 36′, su una avventata uscita del portiere campano Mola.

Il Palermo sale così a 37 punti, mantenendo otto punti di vantaggio sulle inseguitrici, guidate dal Savoia.

IL MATCH

Pergolizzi sorprende tutti, lasciando in panchina Giovanni Ricciardo. Attacco leggero con Felici e Santana in avanti, dietro i quali opererà Ambro. In casa Giugliano non gioca Tarasco, dentro Impagliazzo.

I rosanero devono fare a meno dei propri tifosi, rimasti a casa a causa della chiusura della trasferta da parte dell’Osservatorio. Presenti in massa i supporters campani, che hanno fatto registrare il tutto esaurito.

PALERMO (4-3-1-2): Pelagotti, Doda, Accardi, Lancini, Vaccaro, Martin, Martinelli, Kraja, Ambro, Santana, Felici, all. Rosario Pergolizzi.

GIUGLIANO (4-3-3): Mola, Micillo, Ruggiero, Impagliazzo, Mennella, Di Girolamo, Orefice, Liccardo, Alvino, De Vena, Caso Naturale, all. Massimo Agovino.

PRIMO TEMPO

Al 3′ errore clamoroso del portiere campano Mola, che si scontra in uscita con Impagliazzo lisciando clamorosamente il pallone. La sfera si spegne per sua fortuna a lato. Sugli sviluppi di un corner, Kraja ci prova di testa ma la palla termina fuori. Il Giugliano manovra maggiormente palla a terra, cercando di sfruttare le incursioni di Lorefice dalla sinistra.

E’ proprio l’esterno campano a rendersi pericoloso al 12′, con una bella conclusione dal limite neutralizzata da Pelagotti. Al 16′ primo giallo della partita per Martin. La partita è maschia, ma si mantiene all’interno della mera competizione agonistica. Un minuto dopo il Giugliano si rende pericoloso da calcio piazzato con Liccardo, para agile Pelagotti.

A metà del primo tempo, bella incursione di Felici che ci prova di sinistro, respinge Mola. Sul prosieguo dell’azione Santana serve ancora l’esterno offensivo rosanero, la cui conclusione viene deviato in angolo dall’estremo difensore campano.

Al 26′ giallo per Liccardo, per un fallo su Ambro in ripartenza. Un minuto dopo il Giugliano si rende pericoloso con De Vena, che conclude al volo di sinistro respinto bene da Pelagotti. Il Palermo soffre sul settore destro, con Doda messo in difficoltà da Orefice e Caso Naturale.

Alla mezzora Orefice ha l’occasione per portare in vantaggio il Giugliano, ma il suo destro finisce a lato. Al 33′ prima vera azione corale del Palermo. Santana scambia con Kraja, il quale serve a sua volta Felici che, da posizione decentrata calcia fuori.

Al 36′ il Palermo passa in vantaggio. Errore clamoroso in uscita di Mola, che regala il pallone a Mattia Felici, bravo a saltare il portiere e a calciare in rete per il gol che vale l’1-0. Allo scadere del primo tempo ci prova ancora il Giugliano. Prima De Vena dall’area piccola, che trova la respinta di Pelagotti. Sugli sviluppi del corner, Impagliazzo colpisce di testa ma la palla termina a lato. Si conclude così il primo tempo, Giugliano – Palermo 0-1.

SECONDO TEMPO

La ripresa si apre con una punizione pericolosa di De Vena, il cui tiro termina altissimo. Al 53′ Santana calcia bene dal limite, ma trova l’opposizione di Mola in angolo.

Al 62′ primo cambio nel Giugliano, dentro D’Ausilio e fuori Orefice. Il Giugliano passa al 4-4-2 per sfruttare meglio le fasce. Il Palermo è in difficoltà e Pergolizzi è visibilmente preoccupato in panchina.

Agovino effettua anche il secondo cambio fuori Alvino e dentro Manzo. Cambio anche nel Palermo, fuori Ambro e Kraja, dentro Langella e Ricciardo. I rosanero passano al 4-3-2-1, cercando di mettere pressione alla difesa campana.

Al 72′ grande pallone recuperato da Santana che serve bene Felici, il cui destro viene respinto bene da Mola. A quindici minuti dalla fine, terzo cambio nel Giugliano: fuori Ruggiero e dentro Bacio Terracino.

Al settantanovesimo terzo cambio per Pergolizzi. Si rivede in campo Juan Mauri, fuori Mario Alberto Santana. Al 83′ cross di Bacio Terracino che trova Caso Naturale in area di rigore, ma il colpo di testa è troppo schiacciato e Pelagotti neutralizza.

L’arbitro Bracaccini concede quattro minuti di recupero. In pieno recupero Caso Naturale ha avuto una grossa chance, bravo Vaccaro a contrarlo e a consentire l’intervento di Pelagotti. I campani ci provano fino alla fine, ma non c’è poù tempo. Giugliano – Palermo finisce 0-1.

LE PAGELLE

Pelagotti 6,5: Si fa trovare pronto sulle conclusioni del Giugliano

Doda 5: Soffre tutta la partita le incursioni di Orefice e Caso Naturale, da rivedere.

Lancini 6: Al rientro dalla squalifica, il centrale difensivo dà solidità e fa buona guardia insieme ad Accardi.

Accardi 6: Trova un buon feeling con Lancini e conferma il suo buon stato di forma.

Vaccaro 5,5: Mai propositivo in fase offensiva. Provvidenziale in pieno recupero su Caso Naturale.

Martin 5: La forma fisica è quella che è. Le idee sono poche e vaghe. Un pò di riposo potrebbe giovare.

Martinelli 5,5: Troppo falloso il mediano rosanero, rischia fin troppe volte il giallo nel primo tempo.

Kraja 6: Aiuta molto in fase offensiva, sorreggendo l’attacco palermitano.

Ambro 5,5: Deludente, gioca poco con i compagni e fatica a trovare la propria posizione in campo.

Santana 6,5: Unisce tecnica ed intelligenza tattica. Eterno.

Felici 7: Il migliore in campo, senza se e senza ma. L’unico che punta l’uomo e riesce a saltare l’avversario. Inoltre, piazza il gol partita. Mattatore.

Ricciardo 5: Entra ma in campo si rende noto alla cronaca solo per le posizioni di fuorigioco in cui viene colto.

Langella s.v.

Mauri s.v.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.