Calcio, la favola del Licata: i gialloblu volano in Serie D :ilSicilia.it
Agrigento

promozione raggiunta con due giornate di anticipo

Calcio, la favola del Licata: i gialloblu volano in Serie D

28 Marzo 2019

Il Licata conquista la meritata promozione in Serie D, attraverso la vittoria del campionato di Eccellenza – Girone A, già sfiorata lo scorso anno e negata solo da un grandissimo campionato del Marsala, oggi terzo in classifica nel girone I di Serie D e prossimo ai play-off di categoria. La promozione arriva dopo la vittoria della Coppa Italia d’Eccellenza agguantata lo scorso anno.

La società sportiva agrigentina è ripartita dalle ceneri del fallimento del 2014 ed oggi vede vicino il traguardo del professionismo, ambiente che i licatesi conoscono bene visto che hanno già militato nel campionati di Serie B giocati nella stagione 88-89 e 89-90.

Gli uomini di mister Campanella hanno raggiunto il tanto agognato traguardo con due giornate d’anticipo, attraverso la vittoria per 2-1 ottenuta sul campo del Sant’Agata di Militello. La vittoria è figlia di un cammino regale, con la bellezza di venticinque vittorie in ventotto giornate, alcune anche molto rotonde. Il Licata ha realizzato un bottino di 80 gol fatti, con una media di quasi 3 gol a partita realizzati, e di soli 16 gol subiti.

Mister Campanella ha creato un vero e proprio gigante armato di lancia e scudo. La lancia è rappresentata dalla punta di diamante dell’attacco licatese, ovvero Antonio Cannavò, capocannoniere del torneo con 27 gol fatti, mentre lo scudo è il reparto difensivo e, in particolare, il suo leader Salvatore Maltese, difensore classe 92 autore di uno dei due gol promozione.

La promozione è stata festeggiata da tutto il popolo licatese, il quale si è riversato nelle strade della città per festeggiare i suoi eroi e una promozione che rappresenta una favola sportiva per una intera città, una favola che sembra non volere scrivere il suo finale, lasciando spazio a nuovi e fantastici colpi di scena in futuro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.