16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.29
Catania

ACCOGLIENZA FREDDA PER GLI ETNEI

Calcio, Lega Pro: Catania nel vuoto del Massimino, Trapani atteso a Rende

19 Aprile 2019

Nel trentaseiesimo turno di campionato di Lega Pro – Girone C, le compagini siciliane sono impegnate in un turno che potrebbe dire molto relativamente all’immediato futuro. Match decisivo per il Catania, impegnato nel derby contro la Sicula Leonzio. Gli etnei giocheranno in un Massimino praticamente deserto a causa della sfiducia dell’ambiente nei confronti della squadra e della società.

Come abbiamo già accennato nei giorni scorsi, l’ambiente etneo è in conflitto con l’amministratore delegato Pietro Lo Monaco, il quale, secondo i tifosi, avrebbe attaccato in maniera troppo dura la tifoseria e di non avrebbe portato a termine l’obiettivo stagionale, ovvero la promozione diretta. Dubbi di formazione aleggiano nella testa del tecnico Walter Novellino, il quale dovrà scegliere se dare ancora una volta fiducia ai senatori oppure se dare spazio ai giovani. Lavora tecnico – tattico invece per la Sicula Leonzio, la quale ha recuperato stabilmente in gruppo Aquilanti e Dubickas. La formazione di Lentini può giocare senza particolari pressioni con l’obiettivo di raggiungere la zona play-off.

La giornata di campionato potrebbe dire molto anche per il Siracusa, il quale riposa in questo turno e si appresta a chiamare a raccolta i propri tifosi per il match interno del prossimo 28 aprile contro il Catanzaro. Nei giorni scorsi è apparso uno striscione dei tifosi siracusani riportante all’interno “appartenenza e mentalità, onora la tua città”. Gli aretusei attendono importanti notizie dal campo del Bisceglie, impegnato contro il Rieti. In caso di sconfitta dei pugliesi, il Siracusa sarebbe matematicamente salvo.

Intanto l’ufficio stampa del Siracusa fa sapere che la Corte Federale d’appello ha accolto il ricorso della società aretusea avverso la sanzione dell’ammenda di 20.000 euro inflitta a titolo di responsabilità diretta ai sensi dell’art.4 comma I C.G.S. relativamente a quanto previsto dal Comitato Ufficiale 113/A del 03/02/17 – criteri sportivi ed organizzativi.

Rifinitura anche per il Trapani, impegnato nella trasferta di Rende. Il Trapani recupera Franco, Scognamillo, Golfo e Dambros, i quali sono stati regolarmente convocati. Gli uomini di mister Italiano cercheranno di mettere pressione alla Juve Stabia, impegnata contro la Vibonese, per riaprire una lotta promozione che sembra ormai chiusa.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.