Calcio, Lega Pro: il Catania affonda con la Viterbese :ilSicilia.it
Catania

per gli etnei si allontana la promozione diretta

Calcio, Lega Pro: il Catania affonda con la Viterbese

di
3 Aprile 2019

Il Catania viene sconfitto in casa dalla Viterbese per 0-1 e vede allontanarsi sempre di più il primo posto in classifica. Gli uomini di Novellino, impegnati nel recupero della nona giornata, non hanno dimostrato la giusta grinta per battere un avversario cinico ed ordinato, che ha giocato peraltro tre partite in dieci giorni, a differenza dal Catania che domenica ha riposato.

Il Catania si schiera con un 3-5-2 di base, con Marotta e Di Piazza in attacco e Lodi a dettare i tempi in mezzo al campo. La Viterbese gioca a specchio e parte meglio degli etnei. Al 18′ prima occasione della partita per il Catania, con Marotta che calcia dal limite dell’area, ma il tiro è centrale e Forte blocca senza problemi.

La partita è molto tattica e il Catania fatica a creare occasioni, anche se mantiene il controllo del match. Al minuto trenta si decide il match. Punizione da buona posizione per la Viterbese, sul pallone si presenta Tsonev che calcia una punizione magistrale e batte imparabilmente Pisseri, portando così in vantaggio la Viterbese.

Il Catania è in confusione e viene travolto dai fischi di un disperato pubblico catanese. Al 37′ Novellino inserisce Sarno per Angiulli, ma poco cambia nell’economia della partita. Al 41′ è la Viterbese ad andare vicina al gol con Bismarck, ma il tiro va di poco fuori. Al 44′ arriva la prima vera occasione per il Catania: cross di Calapai in mezzo che trova Di Piazza in area, ma l’attaccante etneo non centra lo specchio della porta. Il primo tempo si chiude con la Viterbese in vantaggio e con un Catania inondato di fischi.

Nella ripresa, altro cambio in casa Catania, fuori Valeau e dentro Manneh. Gli etnei ci provano fin dall’inizio del secondo tempo, ma senza grande convinzione. Al 47′ Marotta calcia in porta ma sempre centrale, Forte blocca. Al 51′ ci prova Lodi dalla distanza ma il tiro è troppo telefonato e il portiere laziale non ha problemi.  La partita si incattivisce e piovono gialli sulla squadra ospite, ben quattro fra il 50′ e il 60′.

Al minuto sessantanove sussulto in casa Catania, con i padroni di casa che trovano il gol ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Il Catania prova a macinare gioco ma la Viterbese si difende con ordine e riparte in contropiede. Al 77′ gli ospiti sfiorano il gol del raddoppio in contropiede ma Molinaro calcia male e la palla si spegne sul fondo. Al minuto ottantuno il Catania rischia di nuovo il tracollo con Pacilli, che calcia a botta sicura ma Silvestri respinge sulla linea.

Il Catania sembra in debito di ossigeno. Al minuto però 86′ Manneh ha sui piedi l’occasione del pareggio ma spreca clamorosamente. Al 91′ la Viterbese rimane in dieci per l’espulsione di Coda, per fallo su Manneh. Ma nel recupero, nonostante la superiorità numerica, il Catania non riesce ad essere incisivo, anzi rischia di nuovo lo 0-2 con Molinaro che spreca l’ennesima occasione in contropiede. Al Massimino termina 0-1, fra i fischi di un pubblico deluso della prestazione dei propri beniamini.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin