15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Siracusa

GLI ARETUSEI VOLANO A +10 SULLA ZONA PLAY-OUT

Calcio, Lega Pro: il Siracusa ipoteca la salvezza, 1-0 al Rieti

10 Aprile 2019

Nel recupero della ventottesima giornata di Lega Pro, il Siracusa batte 1-0 il Rieti ipotecando così la salvezza. Gli uomini di Raciti si portano a +10 sul Bisceglie grazie al gol decisivo di Catania. Il Rieti ha provato a pareggiare il match, ma due grandi interventi di Crispino salvano il risultato. Nel finale viene espulso per proteste Eziolino Capuano, allenatore del Rieti.

Gli uomini di mister Raciti si schierano con il classico 4-2-3-1, con Russini titolare al posto di Tiscione. Il Rieti,  deve fare a meno di Gigli e di Marchi, entrambi squalificati. I laziali si presentano con un 3-5-2, con Cernigoi e l’ex Fiorentina Gondo in attacco. Arbitra il signor Lorenzin di Castelfranco Veneto.

All’undicesimo il Siracusa passa in vantaggio: cross di Parisi dalla destra e conclusione vincente del veterano Catania, che porta il Siracusa sul 1-0. Per l’attaccante aretuseo è il cinquantunesimo gol con la maglia del Siracusa, il nono stagionale. L’attaccante rompe un digiuno durato due mesi e mezzo, ovvero dal suo gol nel derby con il Trapani del 27 Gennaio scorso.

Il Rieti prova a reagire ma l’impatto sulla partita dei laziali è praticamente nullo, con Capuano in panchina che prova, furibondo, a dare indicazioni. Nel primo tempo succede poco, con il Siracusa che prova a gestire la partita e spreca l’occasione per raddoppiare ancora con Catania, ma una prodezza del portiere ex Trapani Marcone salva il risultato. Il primo tempo si spegne sul 1-0 per il Siracusa.

Nella ripresa Eziolino Capuano cambia volto al Rieti ed effettua tre cambi ad inizio secondo tempo: fuori Zanca, Palma e Venancio, dentro Zampa, Delli Carri e Maistro. Il Rieti passa al 4-3-3, cercando così di prendere il controllo del match. Al cinquantatreesimo Cernigoi prova la conclusione col destro ma la palla si spegne sul fondo. Il Rieti continua a macinare gioco ma in maniera inconcludente.

L’inerzia dell’incontro cambia a metà del secondo tempo. Al 66′ arriva la prima vera occasione del Rieti , con Maistro che conclude con un tiro angolato, costringendo Crispino alla deviazione in angolo. Al 71′ il Rieti ci riprova con Scardala, ma il colpo di testa si spegne di poco a lato. Al 73′ arriva la  prima occasione del secondo tempo per il Siracusa con il neo entrato Talamo, il quale però non riesce a tramutare in gol l’ottimo cross di Russini.

Il Siracusa si chiude dietro e difende in maniera ordinata, mentre il Rieti ci prova fino alla fine ma senza successo. Allo scoccare del 90′ occasione d’oro per Tommasone, ma l’attaccante del Siracusa spara alto sulla traversa.

Il finale è rovente: ad un minuto dalla fine, Eziolino Capuano viene espulso per proteste. Il Rieti prova a riagguantare il risultato con una punizione pericolosa allo scadere, con il portiere Crispino che salva ancora il risultato con un intervento prodigioso. Sul capovolgimento di fronte, Souare  spreca tutto in contropiede, con la palla che si spegne sul fondo.

La partita termina sul 1-0, con gli aretusei che ipotecano la salvezza portandosi a +10 sul Bisceglie terzultimo. Per il Rieti nulla è perduto ma la squadra di Capuano ha regalato un tempo agli avversari. Migliore in campo Russini, peggiore in campo Venancio.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.