Calcio, Orlando scrive al Palermo: "Si deve giocare al Renzo Barbera" :ilSicilia.it
Palermo

SI LAVORA AD UN'INTESA

Calcio, Orlando scrive al Palermo: “Si deve giocare al Renzo Barbera”

di
27 Giugno 2020

Continua l’opera di mediazione del sindaco Leoluca Orlando sul caso dello stadio Renzo Barbera.

Il primo cittadino ha avuto stamani un colloquio telefonico con Leonardo Guarnotta, presidente della Consulta d’indirizzo della SSD Palermo Calcio.  Il togato rappresenta l’organo nel quale è stato insediato proprio su indicazione del Comune.

LE PAROLE DEL PRIMO CITTADINO

Nell’augurare al Presidente Guarnotta buon lavoro – ha dichiarato Orlando – ho concordato con lui di organizzare nei prossimi giorni un incontro fra la Consulta e l’Amministrazione comunale, anche per confermare l’impegno affinché la società e la squadra possano usufruire dello Stadio Barbera, che è la naturale ed ovvia sede in cui il calcio nella sua massima espressione a Palermo deve giocarsi“.

Un lavoro certosino, da parte del sindaco, che segue ad un videomessaggio di qualche giorno fa in cui invitava le parti in causa ad un’attenta riflessione. Il Palermo calcio è un bene di tutti, ma soprattutto della città e dei tifosi.

Si lavora a spron battuto ad un’intesa necessaria per entrambe le parti. Al di là dei proclami mediatici, non giocare nell’impianto del capoluogo sarebbe uno smacco per tutte le parti in causa. Ma la parola finale spetterà al consiglio comunale, nel quale ancora si ragiona su ipotesi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin