Calcio, Padova-Palermo sfida finale: Nord-Sud per la B tra tifosi che non si odiano :ilSicilia.it

il match domenica

Calcio, Padova-Palermo sfida finale: Nord-Sud per la B tra tifosi che non si odiano

di
3 Giugno 2022

Alla fine della doppia sfida qualcuno piangerà. Ma (probabilmente) non voleranno ne’ botte, ne’ insulti. Che per una sfida tra nobili decadute, Padova e Palermo, da anni alla vana ricerca di tornare nel calcio che conta, sarebbe un miracolo. Il play off di serie C, che andrà in scena domenica 5 giugno, con ritorno domenica 12 giugno, Veneto e Sicilia, diventa cosi’ l’occasione per spazzare via i rigurgiti razzisti che negli stadi riesplodono spesso quando sono di fronte club Nord e del Sud.

Lo confermano le recenti polemiche in occasione dei play out salvezza tra Vicenza e Cosenza: all’andata un video con tifoso vicentino che dava delle “scimmie calabresi” agli avversari; al ritorno la conduttrice di una Tv veneta che congedava in diretta un bimbo-tifoso del Cosenza con un “tanto verrai anche tu a cercare un lavoro in pianura”. La differenza, invece, la fara’ il gemellaggio tra tifoserie di Palermo e Padova, suggellato ancora nel 1982, e da allora mai interrottosi. “Qualsiasi sara’ l’esito del doppio confronto nulla potra’ scalfire un’amicizia che dura esattamente da 40 anni e che restera’ tale in eterno” assicura da Padova Massimo Benedetti, uno dei capi di “Appartenenza Biancoscudata”, che mette assieme le varie anime della tifoseria padovana. Tutto inizio’ con il Mundial ’82, con un primo gemellaggio informale tra turisti tifosi padovani e ultras del Palermo, sancito ufficialmente nel 1983, come riporta la data nel colletto delle magliette indossate durante l’ultima sfida di campionato 2018-2019 tra le due squadre, prima del fallimento del club rosanero.

Da allora le due squadra non si erano piu’ incontrate. Da quella vacanza nel mare siciliano di un gruppi di ultras padovani parti’ la storia di amicizia e di “legame fraterno” tra i due club. Proseguita anche al di’ la’ degli eventi calcistici, dato che per periodi alterni Padova e Palermo non hanno giocato nello stesso campionato. “Ma questo non e’ stato un deterrente – dice Benedetti – visto che alcune volte all’anno riusciamo a vederci, magari in qualche stadio del Centro Italia: Padova e Palermo sono collocate quasi ai poli estremi del Paese. Riusciamo comunque a trovare il modo per salutarci in qualche localita’.

E’ gemellaggio stato portato avanti per generazioni, con i nuovi tifosi che hanno sostituito altri”. Domani, 4 giugno, vigilia di Padova-Palermo all’Euganeo, e’ atteso nella citta’ del Santo l’arrivo dei primi tifosi palermitani a Padova, i primi gruppi alla spicciolata, poi in progress l’organizzazione del rinnovo del gemellaggio, con appuntamenti-spritz, le cene sabato, e infineil pre-gara di domenica trascorso assieme, prima di arrivare allo stadio. L’ospitalita’ sara’ ricambiata fra una settimana, il 12, per il match di ritorno alla Favorita di Palermo. a di ritorno in terra siciliana. “Qui la trasferta e’ ancora piu’ complicata – conclude Benedetti – perche’ domenica 12 e’ un giorno di elezioni, abbiamo trovato pochissimi posti in aereo, gia’ prenotati da mesi da chi ritornera’ a casa in Sicilia per votare. Noi biancoscudati abbiamo prenotato diversi furgoni che ci porteranno sino a Napoli, e da li’ prenderemo la nave per Palermo”.

In uno stadio Euganeo di Padova che ha registrato il sold-out 48 ore prima della partita d’andata, saranno circa tremila i tifosi nella curva riservata ai rosanero, ma altri di fede palermitana, residenti in Veneto, faranno il tifo da altri settori. Dalla Sicilia assicurano che tutti i voli in partenza da Palermo (anche quelli diretti a Milano o Torino) sono esauriti da molti giorni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.