19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

STELLONE ESONERATO, FOSCHI PRENDE SPUNTO DA ZAMPARINI

Calcio, Palermo amarcord: ritornano gli esoneri e riecco Delio Rossi

23 Aprile 2019

Palermo, esonerato Roberto Stellone“.  È questa la notizia che ha campeggiato sulle pagine sport dei principali quotidiani siciliani e nazionali. Il presidente Rino Foschi ha preso questa decisione a seguito del pareggio conseguito al termine della gara contro il Padova di ieri sera.

La situazione appare paradossale: il Palermo terzo in classifica e a tre punti dal secondo posto che vale la Serie A, occupato dal Lecce, che fa saltare il suo allenatore a quattro giornate dalla fine e che rischia così di destabilizzare un ambiente già destabilizzato di per se per l’annosa questione passaggio di proprietà e tutto quello che ci gira intorno.

Stellone ieri sera ha peccato di hybris, quasi come gli eroi della tragedia greca. Il 4-2-4 schierato ieri sera, con Falletti a fare l’esterno e un centrocampo lasciato in balia degli avversari, è sembrato molto tracotante rispetto all’importanza della partita che richiedeva la più becera rappresentazione della concretezza, ovvero i tre punti.

Eppure questa aria destabilizzata sembra familiare, ricorda molto il passato, un passato non così distante in fondo. La nostalgia aumenta visto che l’uomo scelto da Rino Foschi per sostituire Roberto Stellone sarà Delio Rossi, ex allenatore rosa nero che tanti bei ricordi ha lasciato nella mente dei tifosi.

Ritornano alla mente dei tifosi rosanero i bei tempi della Serie A, i bei tempi in cui Zamparini esonerava allenatori quasi come fossero figurine, arrivando a completare ben nove cambi di panchina nella stagione 2015-2016. Eppure oggi il presidente è Rino Foschi, compagno di tante battaglie di Maurizio Zamparini, ma oggi slegato dallo stesso. In fondo la situazione sembra quasi gattopardesca: saranno passati gli anni, saranno passati i presidenti, ma la soluzione ai problemi in casa Palermo è sempre la stessa, esonerare l’allenatore.

Non si sa se qualcosa abbia illuminato Foschi sulla via di Damasco o se lo spirito di Zamparini sia rimasto talmente impregnato nelle mura di viale del Fante a tal punto da influenzare l’attuale presidente rosanero nelle sue decisioni, fatto sta che oggi siamo al terzo cambio in panchina stagionale. Dopo Tedino e Stellone, probabilmente arriverà Delio Rossi, atteso in serata in città. Speriamo che l’amarcord di queste ore sia di buon auspicio per il futuro prossimo rosanero.

Magari, oltre agli esoneri, torneremo anche a parlare di Serie A.

 

LEGGI ANCHE:

Calcio, Stellone esonerato: Scurto nuovo tecnico del Palermo

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.