Calcio: Palermo corsaro in trasferta, ma alla ricerca di un'identità di gioco | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

IN VISTA DELLA SFIDA CONTRO IL TROINA

Calcio: Palermo corsaro in trasferta, ma alla ricerca di un’identità di gioco | FOTO

di
17 Dicembre 2019
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari-Palermo, foto di Salvo Rosanero

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Dopo i tre punti portati a casa in quel di Castrovillari, il Palermo si appresta ad affrontare il Troina.

Nell’ultima giornata del girone d’andata del campionato di Serie D – Girone I, i rosanero sono obbligati a vincere, visto anche il ritmo tenuto dal Savoia. Questo è il classico momento del campionato dove non importa come ma bisogna vincere. E’ chiaro però che i limiti denunciati dalla formazione di Pergolizzi rimangono e prima o poi dovranno essere risolti.

SQUADRA CHE FATICA A COSTRUIRE

Primo fra tutti, l’undici rosanero deve ancora trovare una sua identità di gioco. Per capirci, non stiamo parlando di calcio champagne e di passaggi ad un tocco (questo nessuno lo pretende), ma quantomeno di un’idea di impostazione dell’azione e di validi sistemi alternativi ai cross in mezzo per Ricciardo.

Nei primi trenta minuti della partita contro il Castrovillari, e questo è un dato di fatto, il Palermo non aveva mai tirato in porta. In generale, i rosanero concludono pochissimo verso lo specchio quando si trovano a dovere fare gioco. Limiti che si evidenziano maggiormente in trasferta o, comunque, quando i rosa sono costretti ad attaccare per riacciuffare il risultato.

Nelle ultime sei partite il Palermo ha segnato soltanto quattro gol, due dei quali con Felici. Ricciardo, sbloccatosi contro i calabresi, non segnava da quasi due mesi, ovvero dalla sfida contro il Corigliano. Le ultime tre vittorie sono arrivate tutte per 1-0 (Giugliano, ACR Messina e Castrovillari), tutte o quasi frutto di un episodio che ha sbloccato il match.

Il Palermo fatica quindi dannatamente a costruire in fase offensiva, con Pergolizzi che non riesce a trovare la quadra, affidandosi soprattutto a giocate dei singoli.

Martin, mentre pensante del centrocampo, è chiaramente in debito d’ossigeno. Gioca praticamente sempre e questo lo costringe a non potere mai recuperare del tutto. Juan Mauri non ha la stessa fiducia agli occhi del mister, che preferisce sempre affidarsi più o meno agli stessi, dando poche chance ai panchinari storici.

LA SOLIDITÀ DEL PACCHETTO ARRETRATO

Se da un lato il Palermo ha problemi in fase offensiva, dall’altro è innegabile la solidità del reparto arretrato. Nonostante l’assenza di Lancini e Vaccaro, il Palermo riesce a chiudersi in maniera perfetta, sotto la magistrale direzione di Roberto Crivello.

Se Pelagotti non si è mai sporcato i guanti nella partita contro il Castrovillari, è merito del reparto arretrato e dell’aiuto degli interni di centrocampo, ovvero Martinelli e Kraja. Anche Peretti, nonostante le poche partite giocate, si è sempre dimostrato all’altezza quando è stato chiamato in causa.

Un pregio e un difetto quindi, su cui Pergolizzi non può limitarsi a riflettere, visti i problemi che attanagliano la formazione rosanero da due mesi a questa parte. Il mercato chiama e il Palermo dovrà rispondere presente. Le altre hanno già iniziato a rinforzarsi, mentre i rosanero sembrano al palo. Serve almeno l’arrivo di un fantasista (vista l’assenza forzata di Santana e il mancato utilizzo di Rizzo Pinna e Lucera) e di un centrocampista che dia ossigeno a Martin.

Intanto c’è il Troina da sconfiggere, formazione che da anni si attesta nelle posizioni alte della classifica e che, qualche anno fa, sfiorò la promozione in Serie C in un sanguinoso spareggio contro la Viterbese.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin