Calcio, Palermo: la confusione continua. Decaduto il CdA, Albanese out :ilSicilia.it
Palermo

NUOVO CDA IN ARRIVO?

Calcio, Palermo: la confusione continua. Decaduto il CdA, Albanese out

di
2 Luglio 2019

Non c’è pace in casa Palermo, dove l’Assemblea dei soci si è riunita nella giornata di ieri per valutare le ultime vicissitudini societarie.

I componenti della società rosanero dovevano riunirsi in modalità totalitaria, ma mancando il 50% +1 dei soci, tutto ciò non è possibile per legge. Eppure l’Assemblea sembra essersi riunita lo stesso ed alla stessa erano presenti soltanto Walter Tuttolomondo e Roberto Bergamo, viste le assenze dell’advisor Vincenzo Macaione, dell’ormai ex presidente Alessandro Albanese e del dimissionario Attilio Coco. Per far decadere Albanese, l’unico modo possibile è che l’Assemblea dei soci avrebbe decretato la decadenza di tutto il CdA rosanero.

L’ex presidente rosanero si è detto stupito della notizia ed ai microfoni di StadioNews ha dichiarato: “Non so niente, non ho partecipato ad alcuna Assemblea”. Alessandro Albanese quindi non sapeva nulla del fatto che l’Assemblea si fosse riunita, visto anche il fatto che la stessa è stata anticipata dalla preventivata data del 5 luglio. Al momento peraltro, non risultano comunicazioni ufficiali della società rosanero in merito alla questione.

Stadio Renzo Barbera PalermoA questo punto, l’attuale proprietà del Palermo Calcio dovrà riunirsi nuovamente e decretare il nuovo assetto societario, a cominciare dall’aspetto amministrativo e dirigenziale, per poi finire a quello dell’area tecnica, dove ricordiamo sono scaduti i termini contrattualii di Scurto e di Sicignano, oltre al fatto che manca un direttore sportivo vero e proprio, dopo l’addio di Foschi.

La situazione appare paradossale, con le varie componenti societarie in contrasto fra di loro. Il futuro del Palermo calcio traballa ed è atteso dall’importante parere tecnico che verrà emesso dalla Covisoc giovedì 4 luglio, che dirà molto sul futuro della società rosanero. Al di là delle sicurezze paventate dai dirigenti rosanero, la sensazione è che il parere potrebbe essere negativo, determinando quindi una grossa influenza sul giudizio finale che verrà emesso dal Consiglio Federale della FIGC il prossimo 12 luglio.

A Palermo intanto si continua a parlare di quello che potrebbe essere il futuro rosanero, nel caso in cui l’attuale proprietà rosanero non riesca ad iscrivere il Palermo calcio al prossimo campionato di Serie B. Dario Mirri, principale candidato all’eventuale acquisizione del titolo sportivo, ha pensato di proporre un ruolo da responsabile tecnico a Zdenek Zeman. Oltre al tecnico boemo, potrebbe essere coinvolto anche Delio Rossi, il quale ha dato la sua disponibilità ad entrare nel possibile progetto di rinascita rosanero.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.