Calcio, Palermo: la confusione continua. Decaduto il CdA, Albanese out :ilSicilia.it
Palermo

NUOVO CDA IN ARRIVO?

Calcio, Palermo: la confusione continua. Decaduto il CdA, Albanese out

di
2 Luglio 2019

Non c’è pace in casa Palermo, dove l’Assemblea dei soci si è riunita nella giornata di ieri per valutare le ultime vicissitudini societarie.

I componenti della società rosanero dovevano riunirsi in modalità totalitaria, ma mancando il 50% +1 dei soci, tutto ciò non è possibile per legge. Eppure l’Assemblea sembra essersi riunita lo stesso ed alla stessa erano presenti soltanto Walter Tuttolomondo e Roberto Bergamo, viste le assenze dell’advisor Vincenzo Macaione, dell’ormai ex presidente Alessandro Albanese e del dimissionario Attilio Coco. Per far decadere Albanese, l’unico modo possibile è che l’Assemblea dei soci avrebbe decretato la decadenza di tutto il CdA rosanero.

L’ex presidente rosanero si è detto stupito della notizia ed ai microfoni di StadioNews ha dichiarato: “Non so niente, non ho partecipato ad alcuna Assemblea”. Alessandro Albanese quindi non sapeva nulla del fatto che l’Assemblea si fosse riunita, visto anche il fatto che la stessa è stata anticipata dalla preventivata data del 5 luglio. Al momento peraltro, non risultano comunicazioni ufficiali della società rosanero in merito alla questione.

Stadio Renzo Barbera PalermoA questo punto, l’attuale proprietà del Palermo Calcio dovrà riunirsi nuovamente e decretare il nuovo assetto societario, a cominciare dall’aspetto amministrativo e dirigenziale, per poi finire a quello dell’area tecnica, dove ricordiamo sono scaduti i termini contrattualii di Scurto e di Sicignano, oltre al fatto che manca un direttore sportivo vero e proprio, dopo l’addio di Foschi.

La situazione appare paradossale, con le varie componenti societarie in contrasto fra di loro. Il futuro del Palermo calcio traballa ed è atteso dall’importante parere tecnico che verrà emesso dalla Covisoc giovedì 4 luglio, che dirà molto sul futuro della società rosanero. Al di là delle sicurezze paventate dai dirigenti rosanero, la sensazione è che il parere potrebbe essere negativo, determinando quindi una grossa influenza sul giudizio finale che verrà emesso dal Consiglio Federale della FIGC il prossimo 12 luglio.

A Palermo intanto si continua a parlare di quello che potrebbe essere il futuro rosanero, nel caso in cui l’attuale proprietà rosanero non riesca ad iscrivere il Palermo calcio al prossimo campionato di Serie B. Dario Mirri, principale candidato all’eventuale acquisizione del titolo sportivo, ha pensato di proporre un ruolo da responsabile tecnico a Zdenek Zeman. Oltre al tecnico boemo, potrebbe essere coinvolto anche Delio Rossi, il quale ha dato la sua disponibilità ad entrare nel possibile progetto di rinascita rosanero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin