Calcio, Palermo: la tregua è già finita, volano pesci in faccia fra Mirri e Di Piazza :ilSicilia.it
Palermo

LA REPLICA DELL'IMPRENDITORE ITALO-AMERICANO

Calcio, Palermo: la tregua è già finita, volano pesci in faccia fra Mirri e Di Piazza

di
12 Giugno 2020

Più che di dibattito, ormai nello scontro dialettico fra Dario Mirri e Tony Di Piazza si può tranquillamente parlare di guerriglia.

In casa Palermo, infatti, è da un paio di settimane che fra le due anime della società non corre buon sangue. Anzi, continuano a volare pesci in faccia, escono segreti, si procede a forza di colpi di fioretto e fendenti di spada.

I tempi dei sorrisi di inizio anno sembrano ormai lontani. Fra il socio di maggioranza e lo “zio Sam” i rapporti si sono disgregati, distrutti da polemiche interne durate per mesi e placate soltanto dal lockdown. Uno spettacolo di cui i tifosi, in questi giorni felici a seguito della promozione, avrebbero fatto anche a meno.

E invece ci ritroviamo a narrare l’ennesimo capitolo di una storia che sarebbe dovuta rimanere interna, ma che invece si è trasformata in argomento di dibattito pubblico. In questo caso, la comunicazione in casa Palermo non ha funzionato.

Tony Di Piazza
Tony Di Piazza

LA REPLICA DI TONY DI PIAZZA

Dopo una conferenza stampa in cui Dario Mirri, sotto il fuoco delle domande dei giornalisti, ha perso il suo classico applombé inglese, tocca adesso a Tony Di Piazza rispondere. E l’imprenditore italo-americano ha deciso di non trattenersi, replicando con la stessa potenza di fuoco al suo “collega” di club.

Devo precisare, smentendo altre voci, che rivesto la carica di amministratore della SSD Palermo, al pari di Mirri e Sagramola. Vorrei ricordare a tutti che amministrare una società espone a notevoli responsabilità giuridiche“, sottolinea l’ex vice-presidente.

Sono stato rappresentato come una persona con le idee confuse – aggiunge –. Queste affermazioni non sono vere, perché mi sono dimesso dalla carica di vicepresidente della società e ho confermato le dimissioni nel Cda del 26 maggio. Avevo manifestato la disponibilità a riconsiderare le dimissioni se si fosse ristabilito un clima di leale collaborazione, ipotesi che è stata rifiutata dai diretti interessati, con la conseguenza che non ho mai ritirato le dimissioni“.

Ho comunicato l’intenzione di cedere la quota di partecipazione sociale e non ho mai cambiato idea sul punto, né fatto comunicazioni in tal senso”. Di Piazza, inoltre, contesta “un supposto mio voto contrario al riconoscimento del premio ai giocatori”. “Faccio presente – spiega – che non c’è stato alcun voto sul punto, perché avevo chiesto di poter discutere l’opportunità di corrispondere interamente i premi approvati prima dell’emergenza“.

La richiesta, da quanto appreso attraverso i media, era stata accettata dai calciatori, e gli altri due consiglieri hanno votato contro la mia proposta, dimostrando di non voler promuovere la dialettica all’interno del consiglio“.

Quanto alla compagine societaria della Italplaza, mi meraviglio che Mirri non sappia con certezza che è una società interamente riferibile a me. Altrettanto chiaro dovrebbe essere che io gli impegni li rispetto: il bonifico delle somme richieste l’ho disposto il 9 giugno, immediatamente dopo il chiarimento“, precisa.

LA CONFERENZA DELLA DISCORDIA

Nella conferenza stampa di mercoledì infatti, l’imprenditore italo-americano ha dovuto subire l’attacco da parte del socio di maggioranza, Dario Mirri. L’attuale presidente del Palermo, senza alcun contraddittorio, ha raccontato la sua verità su Di Piazza e sulle mosse societarie.

E’ un socio, non un amministratore. I soci fanno i soci, gli amministratori..abbiamo un eccellente dirigente (Sagramola n.d.r.). Si prosegue insieme, fatto salvo quello che vuole fare Tony Di Piazza“.

E’ inutile fare gli struzzi. Distanza e fraintendimenti hanno fatto il loro, lui non vive le cose della società, le vive sui social. Alcune cose hanno fuorviato Tony Di Piazza in questi mesi, non ha seguito un percorso istituzionale. Non ci sono stati episodi di dissenso sostanziale, a parte la questione dei premi promozione. Quello che è successo ha un significato, non si può pensare che non sia successo niente. Il Palermo non è una giocattolo, è una cosa seria“.

C’è un fatto di stile, di comportamenti. Capisco che siamo stati abituati, negli ultimi 10 anni, nella gestione di questi ambiti. Guardiamo a chi è davanti a noi. Io ho avvertito Tony che il suo intendimenti iniziale giorno per giorno sembrava cambiare. Credo che acquistare il 40%, sia in America che in Italia, abbia un significato. Lì si incominciava a discutere anche sul come venivano applicate le decisioni“.

Una battaglia che si annuncia destinata ad altre rappresaglie, di cui i tifosi farebbero anche a meno.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin