Calcio, Palermo: mercato a due facce, rosanero attesi dalla prova della verità :ilSicilia.it
Messina

FC MESSINA POSSIBILE SPARTIACQUE DELLA STAGIONE

Calcio, Palermo: mercato a due facce, rosanero attesi dalla prova della verità

1 Febbraio 2020

Il Palermo calcio entra nel momento decisivo della stagione.

I rosanero sono attesi dalla difficile sfida di campionato contro il Football Club Messina. La compagine giallorossa rappresenta un avversario temibile, forte del terzo posto in classifica e di uno stato di forma importante. Uno dei peggiori clienti da affrontare per il team di Rosario Pergolizzi che, nonostante i risultati continuino a dargli ragione, continua a non convincere sotto il profilo del gioco.

Dieci punti conseguiti nelle ultime quattro partite dalla formazione rosanero. Un bottino che ha permesso al team di viale del Fante di allungare sul Savoia di un paio di punti nelle ultime giornate. Ma gli oplontini rimangono ad un tiro di schioppo, il che mantiene il discorso promozione aperto.

Un campionato che doveva essere, almeno nelle previsioni della vigilia, molto più semplice rispetto a quello che si sta vedendo sul campo.

Intanto, sul fronte acquisti, il Palermo ha provato a muoversi in maniera oculata, limitando al minimo le uscite economico-finanziarie. Proviamo a tracciare quindi un bilancio delle trattative in casa rosanero.

UN CALCIOMERCATO A DUE FACCE

Possiamo affermare che la società di Dario Mirri e Tony Di Piazza ha lavorato un pò a due marce. La partenza, in compenso, è stata degna di una formula 1.

Floriano si è rivelato un acquisto azzeccato, capace di influenzare da subito i risultati dei rosanero. L’ex Bari ha risolto consensualmente il proprio contratto con la società pugliese e quindi è arrivato a parametro zero.

Allo stesso tempo Silipo si sta trasformando in più di una valida alternativa a Felici, anche se purtroppo il giocatore è stato preso dalla Roma soltanto in prestito secco.

Marina di Ragusa-Palermo, foto di Giuseppe Bertolino

Poi, il nulla fino all’ultimo giorno di mercato. Sul fil di sirena è arrivato anche Lorenzo Lucca, giocatore classe 2000 proveniente dalla primavera del Torino. Per lui, tre gol all’attivo nella sua avventura in maglia granata quest’anno.

Unico nome in uscita invece quello di Lorenzo Bechini. Il difensore classe 2001 non ha mai trovato spazio nell’undici di Rosario Pergolizzi, che non gli ha concesso nemmeno un minuto in campo. Per lui un ritorno alla base in terra emiliana, in attesa di trovare una sistemazione migliore.

Un buon mercato sotto il profilo della cifra tecnica offensiva, ma che non ha regalato un paio di giocatori che servivano in difesa e a centrocampo.

In primo luogo, non è stato trovato un under capace di dare respiro a Vaccaro e Doda sulle fasce. I due terzini, soprattutto nell’ultimo periodo, non sono sembrati proprio pimpanti. L’infortunio dell’albanese da un lato e la squalifica del numero 27 rosanero dall’altro, hanno costretto Pergolizzi a ricorrere ad un piano di emergenza.

In secondo luogo, manca qualche uomo in mezzo al campo. Se Martin ha trovato in Mauri una valida controparte, lo stesso non si può dire di Martinelli, apparso in ombra nelle ultime uscite.

Strategie oculate, quindi, da parte del DS Castagnini, senza forzature eccessive. Un mercato sufficiente, ma che non ha allungato del tutto una coperta, quella del Palermo, che sembra un po corta, soprattutto in prospettiva.

INTANTO AL RENZO BARBERA ARRIVA IL FOOTBALL CLUB MESSINA

Se nelle ultime quattro giornate il Palermo ha affrontato, praticamente, squadre che raschiano il fondo della classifica, ora la compagine rosanero è attesa da un test probante, il primo dall’inizio del girone di ritorno.

Il Football Club Messina vanta un bottino di 39 punti all’attivo. La compagine peloritana arriva da tre vittorie di fila, conseguite con ottime prestazioni di squadra e di gioco. Un gruppo affiatato quindi, che già nella sfida di andata ha messo in difficoltà il team palermitano.

Per il Palermo, il momento clou della stagione è giunto. Non c’è più spazio per gli errori e per i cali di tensione visti nelle scorse settimane. Dopo la prossima trasferta contro la Cittanovese, le sfide da affrontare lontano dal Renzo Barbera saranno contro formazioni che risiedono nei piani alti della graduatoria del girone I.

FC Messina - SSD Palermo
FC Messina – SSD Palermo – l’entrata in campo delle squadre

Licata, Savoia, Acr Messina, Acireale e Troina: queste sono le ultime cinque trasferte del campionato. Un tour de force niente male per Crivello e compagni, che dovranno continuare quindi a capitalizzare punti adesso per non dover vivere un finale di torneo al cardiopalma

Ma la sfida contro i giallorossi sarà complicata anche dalla numerose assenze. Le squalifiche di Martinelli e Vaccaro, nonché gli infortuni di Doda e Ricciardo, privano Rosario Pergolizzi di alternative importanti.

Dovrebbe tornare fra i titolari Andrea Accardi. Il difensore palermitano dovrebbe essere schierato sul settore di sinistra, con Crivello che dovrebbe scalare a destra e Lancini e Peretti a fare da centrali.

La manovra tattica si rende necessaria, appunto, per la mancanza di una vera alternativa allo squalificato Martinelli. Sulla mediana Martin sarà assistito da Langella e Kraja, mentre il tridente d’attacco rimarrà invariato rispetto alla sfida contro il Marina di Ragusa. Spazio quindi a Felici (diffidato), Floriano e Sforzini, i quali avranno il compito di insidiare il più possibile la porta messinese.

Arbitra il signor Dario Di Francesco della sezione di Ostia Lido, calcio d’inizio previsto per domenica 2 febbraio alle ore 15:00.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.