Calcio, Palermo: momento di impasse, ma la svolta è vicina :ilSicilia.it
Palermo

SI DECIDE TUTTO NEI PROSSIMI QUINDICI GIORNI

Calcio, Palermo: momento di impasse, ma la svolta è vicina

di
29 Giugno 2019

Momenti di attesa in casa Palermo, dove la piazza pensa già più al futuro che al presente. Nei prossimi quindici giorni si dovrebbe sapere che fine farà la società rosanero. Nella giornata di giovedì, è atteso un primo parere della COVISOC relativamente alla documentazione presentata dalla società rosanero per l’iscrizione in Serie B, mentre per il giorno dopo è stata convocata l’Assemblea della società rosanero da parte del presidente Alessandro Albanese.

Sarà interessante capire se l’Assemblea societaria sarà svolta in città oppure se i membri di Arkus – Sporting Network continueranno a riunirsi a Roma. Giorno 12 luglio, infine, la FIGC si esprimerà definitivamente ed ufficialmente sulle iscrizioni al prossimo campionato, avviando così l’iter per la stesura dei calendari.

Intanto, nella giornata di ieri, i membri di Sporting Network sono tornati a farsi sentire ed hanno provveduto a pubblicare un comunicato ufficiale tramite il sito del Palermo calcio in cui diffidano la stampa ed in generale gli addetti ai lavori, ovvero “diffidando tutti e chiunque reiteri ad arbitrariamente diffondere e propagare notizie allarmistiche, benché destituite di ogni fondamento, sulla U.S. Città di Palermo S.p.A. e ledere il buon nome e la reputazione personale delle aziende, persone e professionisti rappresentanti, a vari e diverso titolo, la proprietà della medesima, riservando in caso contrario ogni azione e ragione, nelle più opportune sedi “.

Al di là dei video e dei comunicati stampa, quel che è certo è che la società rosanero dovrà fare i conti con diverse grane, prima fra tutte la questione stipendi dei calciatori. Secondo quanto riportato oggi dal Giornale di Sicilia, i giocatori rosanero avrebbero presentato istanza di fallimento nei confronti dell’U.S. Città di Palermo, su consiglio dell’Associazione Italiana Calciatori.

Intanto si pensa già al futuro, nel caso in cui venga confermata la mancata iscrizione al campionato dell’U.S. Città di Palermo. Molti sono i nomi che si fanno in orbita rosanero, primo fra tutti quello di Dario Mirri, seguito da quello del presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, il quale non ha mai nascosto una certa simpatia per l’ambiente rosanero. I tifosi rosanero ricorderanno quando il presidente doriano, durante la partita Sampdoria – Palermo della stagione 2014-2015, si presentò sotto il settore ospiti, salutando i tifosi rosanero presenti.

In una siffatta ipotesi, rimarrebbe da valutare la questione stadio. Il Renzo Barbera infatti ha degli alti costi di gestione e la Parmonval starebbe pensando di presentare richiesta per lo stadio. Tuttavia, il Renzo Barbera è la casa dei tifosi rosanero, il vero tempio del tifo palermitano. Non si può neanche lontanamente pensare ad un ipotesi del genere, in un ambiente già ampiamente depresso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.