Calcio, Palermo: parte la class action dei tifosi rosanero :ilSicilia.it
Palermo

Si moltiplicano le iniziative

Calcio, Palermo: parte la class action dei tifosi rosanero

di
15 Maggio 2019

Si moltiplicano le iniziative popolari che mirano a salvare il futuro dell’U.S. Città di Palermo. Si è costituito in città il Comitato Promotore di una class action  contro la Lega di Serie B, rea, secondo i componenti dello stesso Comitato, di aver agito in palese conflitto di interessi allo scopo di privare il Palermo Calcio di qualunque chance di essere promosso nella massima serie.

Ninni Terminelli e Flavia Santoro, componenti dello staff

Lo staff legale è composto da Giovanni Di Trapani, Alessandro Palmigiano e da Ninni Terminelli. Il Comitato mira a far sì che i play off si svolgano nella più assoluta regolarità e trasparenza, rispettando il risultato del campo ed evitando ingerenze fin troppo pesanti da parte degli organi federali.

Il Comitato promotore chiederà l’adesione al più ampio numero di tifosi possibili, per agire contro la scandalosa decisione della lega di serie B, e in solido contro i componenti del Consiglio di Lega che hanno assunto la scandalosa decisione.

Lo status di tifoso è riconosciuto dal Comitato ai soggetti possessori di titoli di accesso agli impianti sportivi o che possano dimostrare la loro fidelizzazione verso la società sportiva. La partecipazione prevede il versamento di una quota simbolica di 5 euro, che sarà utilizzata per la copertura delle spese legali utili alla proposizione del ricorso.

 

I componenti del comitato sono :

Alessio Cardinale, Antonio Fricano, Delia romano, Rosalba Calò, Maurizio Santoro, Flavia Santoro, Daniele Puleo (rappresentante di una vasta comunità di tifosi rosanero residenti negli Stati Uniti), Salvatore Rattoballi (quest’ultimo rappresentante di una vasta comunità di tifosi presenti in Germania).

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.