Calcio, Palermo: "Utilizzo dello stadio senza titolo", bufera sulla concessione del Renzo Barbera :ilSicilia.it
Palermo

POLEMICA ANCHE SULLA CARTELLONISTICA

Calcio, Palermo: “Utilizzo dello stadio senza titolo”, bufera sulla concessione del Renzo Barbera

di
17 Giugno 2020

Scoppia il caso sulla concessione dello stadio Renzo Barbera alla SSD Palermo.

Il Collegio dei revisori dei conti, attraverso una nota firmata dal dott. Marco Mazzurco ed inviata a tutte le componenti in causa dell’Amministrazione comunale, chiede chiarimenti sugli accordi fra l’amministrazione e la società di Dario Mirri e Tony Di Piazza.

LA NOTA

Sulla base di interventi di alcuni consiglieri comunali – si legge nella nota –, è emerso che lo stadio Barbera risulterebbe essere stato utilizzato sine titulo e senza che, dal relativo utilizzo, sia stato riscosso dal comune di Palermo alcun corrispettivo“.

Dario Mirri, Rinaldo Sagramola e Leoluca Orlando

Se la circostanza appresa fosse corrispondente a verità e, in questo caso, se non fosse legittimamente giustificata, potrebbero configurarsi gravi profili di criticità, suscettibili anche di diritti erariali“.

Si chiede, pertanto, con urgenza e comunque entro 8 giorni, la trasmissione di una dettagliata relazione illustrativa sull’attuale stato di utilizzo dello stadio Renzo Barbera“.

Quella di ieri è stata una seduta infuocata in consiglio comunale.

E’ stato infatti chiesto a più riprese il ritiro della vecchia concessione, risalente al 2013. L’ultimo accordo fra una società calcistica e il comune risale addirittura alla gestione Zamparini.

Ma la polemica non si limita all’affitto dello stadio. Infatti, il collegio dei revisori chiede conto anche “dell’attestazione della legittimità e regolarità di detto utilizzo, anche con riferimento agli impianti pubblicitari installati nell’impianto sportivo“.

Insomma, l’idillio fra il comune di Palermo e la società rosanero rischia di incrinarsi.

LA RISPOSTA DEL COMUNE: DICHIARAZIONI DI ORLANDO, D’AGOSTINO E PETRALIA

Ovviamente come tutti, da amministratori e da tifosi – afferma il sindaco Orlando  contiamo sul fatto che la situazione si chiarisca al più presto anche perché di fondamentale importanza per il prosieguo della risalita del calcio palermitano verso le serie superiori. L’Amministrazione ed il Consiglio comunale credo abbiano l’unico obiettivo di garantire l’utilizzo dello stadio nel modo più corretto“.

Crediamo – dichiarano gli assessori D’Agostino e Petralia che sulla vicenda della concessione dello Stadio Barbera per la società rosanero, sia in corso la classica tempesta nel bicchiere d’acqua. Come è noto a tutti, lo stadio è stato affidato con un consenso unanime istituzionale e politico – ricordano – per permettere alla squadra di calcio l’iscrizione al campionato di serie D.”

La concessione non potrà ovviamente non tenere conto del fatto che la società usufruisce dello stadio e ne cura la manutenzione, già dal 2019.

“Sarà il Consiglio comunale a valutare quali saranno i canoni da applicare”, sottolineano Petralia e D’Agostino.

“Quindi – concludono – in atto non vi è alcuna concessione a titolo gratuito né alcuna omissione di pagamenti da parte di alcuno“.

LE REAZIONI DEL MONDO POLITICO

Giulia Argiroffi
Giulia Argiroffi

Sul tema è intervenuta la consigliera comunale del gruppo “Oso”, Giulia Argiroffi.

Che lo stadio ha, da mesi, una gestione “allegra”, e che questa “allegria” sia stata concessa dal sindaco è un dato evidente davanti a cui, da mesi chiediamo chiarimenti“.

Tali delucidicazioni sono state chieste “agli uffici del patrimonio e all’assessore competente e i chiarimenti non arrivano e si ritarda la redazione della concessione e della delibera, per mantenere “allegra” la gestione?“, chiosa la Argiroffi.

francesco-bertolino
Francesco Bertolino

Sul tema è intervenuto anche il presidente della V commissione del comune di Palermo, Francesco Bertolino. A proposito del tema della concessione, l’eletto nella lista “Palermo 2022”, dichiara quanto segue.

Ad oggi l’unica convenzione presente è quella scaduta e risalente alla gestione Zamparini (2013 n.d.r.). Ieri è stata presentata la proposta, da parte del presidente del consiglio comunale, di ritirarla in quanto atto dovuto. Come presidente di commissione avevo sollecitato l’amministrazione sul da farsi, con riferimento alla bozza della nuova convenzione“.

Relativamente a quest’ultima, di nero su bianco non c’è ancora nulla. Il collegio dei revisori dei conti ha chiesto un chiaramento relativamente al titolo con il quale la nuova società abbia goduto dell’impianto in questa stagione sportiva“.

Perora dobbiamo attendere la relazione richiesta dal collegio dei revisori e, successivamente, la bozza della nuova convenzione con l’attuale società del Palermo calcio“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti