Calcio: Rebus panchina in casa Palermo, Pecchia è il favorito :ilSicilia.it
Palermo

MOVIMENTI IN CASA PALERMO?

Calcio: Rebus panchina in casa Palermo, Pecchia è il favorito

di
9 Luglio 2020

Fabio Pecchia è il nome più papabile per la conquista della panchina del Palermo.

Secondo indiscrezioni raccolte da IlSicilia.it, l’allenatore originario di Formia potrebbe approdare in terra siciliana, anche a seguito di un girotondo di panchine in casa bianconera. A sostituire il tecnico laziale potrebbe essere Andrea Pirlo. Il campione del mondo rimpolperebbe così la sua esperienza da allenatore, in una piazza con zero pressioni sulle spalle.

Al momento il condizionale è d’obbligo, visto che la Juventus U23 è impegnata nei play-off promozione. Tuttavia in casa Palermo non c’è fretta, visto che manca oltre un mese dall’inizio del ritiro di Petralia.

IL PROFILO DI FABIO PECCHIA

Fabio Pecchia, ex centrocampista classe 1973, ha vestito da giocatore le maglie, fra le altre, di Sampdoria, Juventus e Napoli, dove ha chiuso la sua carriera. La sua esperienza da allenatore inizia nel 2011 in quel di Gubbio, formazione neopromossa in Serie B. Qui viene esonerato dopo 10 giornate di campionato, terminando anzitempo la stagione.

La sua carriera riprende l’anno successivo a Latina. Ma fra il tecnico e il club neroblu non sboccia l’amore e il rapporto si interrompe dopo 26 giornate.

I successi da allenatore di Pecchia iniziano nel 2016, quando il mister approda al Verona. Con gli scaligeri ottiene una promozione in Serie A, salvo poi retrocedere l’anno successivo, terminando 19esimo il campionato.

A questo punto, il tecnico di Formia prova l’esperienza in Giappone, trasferendosi al Fukuoka. Ma a seguito di incomprensioni con il club nipponico, Pecchia presentò le sue dimissioni.

Infine, l’approdo alla Juventus U23. Il tecnico ha condotto la squadra in una stagione turbolenta, che doveva essere di rodaggio. La partenza non è stata delle migliori, salvo poi riprendersi a metà campionato, approfittando anche dei rinforzi arrivati a Gennaio. Poi il lockdown ha interrotto bruscamente i campionati dell’ex Lega Pro.

Da qui inizia una serie di risultati utili consecutivi, culminati con la vittoria della Coppa Italia Serie C e la conseguente qualificazione ai play-off promozione.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.