Calcio, Serie D: verso Palermo-Troina, ecco le ultime :ilSicilia.it
Enna

Domenica 22 dicembre alle 14,30

Calcio, Serie D: verso Palermo-Troina, ecco le ultime

di
20 Dicembre 2019

Il Palermo si appresta ad affrontare l’ultima sfida del girone di andata del campionato di Serie D – Girone I contro il Troina.

La formazione ennese viene da una serie di stagioni interessanti, condotte sempre nelle posizioni alte della classifica. Il picco due anni fa, con una promozione in Serie C sfumata soltanto nello spareggio contro la Viterbese. Una squadra tosta, capace di mettere in croce anche il Savoia, number one contender dei palermitani in classifica.

La compagine campana è stata capace di passare soltanto in pieno recupero sul campo del Silvio Proto, il che deve far riflettere mister Pergolizzi sulle scelte da fare in vista della sfida di domenica.

In casa rosanero ieri si è svolto il primo allenamento dell’era Mirri-Di Piazza a Boccadifalco. Un allenamento di prova più che altro, per testare il manto erboso e la struttura in generale.

Per quanto riguarda l’undici titolare, in difesa rientra dalla squalifica Lancini, che dovrebbe prendere il posto di un ottimo Manuel Peretti. I dubbi maggiori riguardano la fascia sinistra, con Vaccaro che se la gioca con Accardi per un posto da titolare.

Dalla cintola in su dovrebbe essere tutto confermato, con il tridente Felici – Ficarrotta – Ricciardo in avanti.

 

QUI TROINA: PARLA IL DG WALTER GIUFFRIDA

In casa rossoblu si prepara la partita del Renzo Barbera senza nulla da perdere. Il team ennese veleggia al quinto posto in classifica, ovvero in piena zona play-off, con un bottino di 27 punti. Una formazione arcigna, capace di mettere in difficoltà le grandi della categoria. Abbiamo sentito il direttore generale del Troina, Walter Giuffrida, che ci ha parlato della stagione della sua squadra.

Troina calcio
Foto Fb ” ASD Troina Calcio”

Come sta andando la stagione del Troina?

“La stagione sta andando oltre ogni previsione. Siamo partiti con difficoltà relative all’impianto, alla dirigenza e, soprattutto, abbiamo iniziato la preparazione ad agosto. L’obiettivo di quest’anno è la salvezza. Rispetto al passato sono cambiate molte cose. Abbiamo dovuto far fronte ad un ridimensionamento degli investimenti, ma siamo stati bravi.”

Come procedono i lavori al Proto?

“I lavori al Proto procedono bene, grazie anche alla collaborazione dell’amministrazione comunale. Si stanno ultimando i lavori negli spogliatoi e sulla torre faro. Ad aprile inizieranno i lavori sulla tribuna e sul terreno di gioco”.

Come affronterete la prossima sfida contro il Palermo?

“Noi siamo consci del fatto che il Palermo è una corazzata. Hanno una squadra e un tasso tecnico di assoluto livello. La parola d’ordine è umiltà. Così come abbiamo fatto contro il Savoia, c’è la giocheremov fino alla fine. E’ una sconfitta che ha fatto male per come è arrivata, ovvero in una partita equilibrata e in pieno recupero. Il calcio è bello anche per questo, a volte vince Golia ma alle volte trionfa Davide”.

In molti propongono il paragone fra il Palermo di quest’anno e il Bari dello scorso campionato. Ma, secondo lei, chi è superiore?

“Il calcio è fatto di momenti. Il Palermo è andato come un treno, poi ha avuto un calo dovuto agli infortuni e alla condizione. Il Bari dello scorso anno era più quadrato, ma fare un paragone è impossibile. Sicuramente il Savoia si sta rivelando un avversario più competitivo rispetto alla Turris dello scorso anno”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.