Calcio, Stellone esonerato: Scurto nuovo tecnico del Palermo :ilSicilia.it
Palermo

a quattro giornate dalla fine della stagione

Calcio, Stellone esonerato: Scurto nuovo tecnico del Palermo

23 Aprile 2019

Il pari di ieri contro il Padova segna la fine dell’avventura rosanero di Roberto Stellone. Il Palermo ha ufficializzato l’esonero del 41enne tecnico romano, dalla guida della prima squadra che è stata affidata “temporaneamente all’allenatore della Primavera Giuseppe Scurto, che questo pomeriggio dirigerà la seduta d’allenamento insieme al preparatore dei portieri Vincenzo Sicignano“.

Ingaggiato un anno fa a quattro giornate dalla fine, Stellone aveva portato il Palermo fino alla finale play-off persa poi col Frosinone. Sollevato dall’incarico, era tornato al timone a fine settembre, prendendo di nuovo il posto di Bruno Tedino.

Il Palermo è attualmente terzo in campionato, a quattro giornate dalla fine, ed è a tre lunghezze dal secondo posto – che garantirebbe la promozione diretta – occupato dal Lecce che peroò deve ancora osservare un turno di riposo.

Sei, invece, i punti di ritardo dalla capolista Brescia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.