Calcio: "Stipendi di febbraio non pagati", deferite le società di Trapani e Catania :ilSicilia.it
Catania

RISCHIO PENALIZZAZIONE IN CLASSIFICA

Calcio: “Stipendi di febbraio non pagati”, deferite le società di Trapani e Catania

di
27 Maggio 2020

Brutte notizie per il Catania e per il Trapani.

Arriva infatti il deferimento, da parte della Procura federale della FIGC, per le due squadre siciliane. Il procedimento è frutto della segnalazione eseguita dalla Covisoc e fa riferimento al mancato pagamento, entro il termine del 16 marzo, degli stipendi di febbraio dovuti ai propri tesserati.

RISCHIO PENALIZZAZIONE IN CLASSIFICA

Oltre ai due club, saranno chiamati a rispondere i dirigenti Giuseppe Pace (Trapani) e Giuseppe Di Natale (Catania). Nello stesso filone d’inchiesta è finito anche il Siena, il quale sarà chiamato in giudizio insieme al proprio rappresentante, Anna Durio. In caso di condanna da parte del TFN, il rischio è, chiaramente, quello di subire penalizzazioni in classifica.

Continuano quindi i problemi per il calcio siciliano. Già nelle scorse settimane, avevamo documentato la notizia della messa in mora del Calcio Catania da parte dei propri giocatori, proprio a seguito del mancato pagamento degli emolumenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.