Calcio: strascichi dopo il CdA del Palermo, prosegue la faida Mirri-Di Piazza :ilSicilia.it
Palermo

LO SCONTRO IN società DIVENTA UN CASO

Calcio: strascichi dopo il CdA del Palermo, prosegue la faida Mirri-Di Piazza

di
30 Maggio 2020

E’ scontro all’arma bianca fra Dario Mirri e Tony Di Piazza.

Dopo il CdA di martedì, le due anime della società rosanero sono entrate in rotta di collisione, dando vita ad uno scontro al vetriolo. Vano anche il tentativo di ricucire i rapporti delle ultime ore. Una faida apparentemente nata adesso, ma che trova le sue ragioni nella differente visione sulle scelte effettuate nel corso della stagione.

Mentre Dario Mirri e Rinaldo Sagramola mantengono un compassato silenzio, Tony Di Piazza continua a raccontare la sua verità. L’imprenditore italo-americano, nei giorni scorsi, aveva messo in vendita le quote in suo possesso della SSD Palermo (il 40%).

L’ultimo capitolo quello di stamattina quando, attraverso un post sul suo profilo Facebook, Di Piazza ha lanciato l’ennesimo attacco a Dario Mirri.

L’ATTACCO DI TONY DI PIAZZA

Con grande sorpresa ho constatato che gli altri consiglieri Dario e Daniele Mirri, a maggioranza, hanno bocciato la mia proposta di versare immediatamente, entro 72 ore, ognuno per la sua quota, l’intero capitale sociale sottoscritto in Hera Hora per 15.000.000 così da dotare a sua volta la SSD Palermo di tutte le somme necessarie per coprire il budget approvato lo scorso martedì e sostenere ulteriori investimenti finalizzati a fare della squadra del Palermo una squadra sempre più forte e solida, così come merita la sua tifoseria“.

Dopo ampia discussione è stato approvato solo il versamento di circa tre milioni a completamento del capitale sociale del Palermo SSD, da versarsi a richiesta dell’Amministratore delegato, contro la mia proposta, bocciata, di versare immediatamente la somma di oltre 11 milioni di euro“.

Specifico che non condivido la bocciatura della mia proposta, in quanto avrebbe consentito alla società di essere più solida eliminando sul nascere ogni polemica e ancor più i dubbi insinuati, in questi ultimi giorni, sulla capacità economica dei soci“.

Di Piazza, infine, lancia una stoccata ad alcuni “franchi tiratori”.

Dubbi questi che, unitamente a ricostruzioni imprecise circa alcuni accadimenti di questa stagione sportiva, probabilmente frutto di notizie interne, inesatte, passate ad alcuni media non correttamente da chi evidentemente ha altri interessi, stanno danneggiando gravemente il Palermo, la passione dei meravigliosi tifosi rosanero, oltre che la mia immagine personale“.

Una vicenda che non ha scritto ancora la sua parola fine, ma che dovrà necessariamente farlo. In ballo c’è l’intero progetto societario e la costruzione delle basi per la prossima stagione. Quel che è certo è che i tempi dei sorrisi e delle strette di mano di inizio stagione, sembrano un lontano ricordo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.