Calcio, Trapani: a rischio la gara con il Catanzaro, incubo radiazione all'orizzonte :ilSicilia.it
Trapani

NUOVE DIMISSIONI DI DANIELE DI DONATO

Calcio, Trapani: a rischio la gara con il Catanzaro, incubo radiazione all’orizzonte

di
4 Ottobre 2020

Manca solo l’ufficialità, ma il Trapani non dovrebbe scendere in campo neanche nella gara di oggi contro il Catanzaro, in programma alle 17:30.

Dopo aver saltato la gara di campionato con la Casertana e quella di Coppa Italia con il Brescia, i granata potrebbero saltare la terza partita ufficiale consecutva. Una simile situazione potrebbe portare anche all’esclusione dal torneo della società sportiva siciliana.

NUOVE DIMISSIONI DI DONATO

Intanto il tecnico Daniele Di Donato, secondo quanto reso noto dallo stesso ex centrocampista di Palermo e Ascoli, ha rassegnato nuovamente le dimissioni.

Mi dispiace tanto per la città – afferma in esclusiva ai microfoni di Gianlucadimarzio.com -, ero venuto a Trapani con la voglia di far bene, ma poi le condizioni sono peggiorate. Ho sperato fino alla fine che tutto si potesse risolvere e che il comitato di tifosi “C’e’ chi il Trapani lo ama” potesse concludere l’acquisto della società. Ho aspettato fino a questa sera e speravo che la situazione si sbloccasse. Con il comitato avrei detto si’ e sarei andato a giocare anche con i ragazzini perche’ c’e’ un progetto dietro che garantiva continuita’. Con Pellino no. Anche se non mi fossi dimesso non credo sarebbe stato possibile andare a Catanzaro“.

Un passaggio di proprietà che veniva dato per fatto, ma poi clamorsamente saltato. Negli uffici del notaio preposto per concludere l’affare, non si è presentato nessun acquirente. A complicare il quadro ci sono anche le situazioni contrattuali con i giocatori in rosa. Il capitano del Trapani Felice Evacuo, ad esempio, ha risolto il proprio contratto con il club granata.

IL SINDACO

“Arrampicatori e speculatori del calcio business, squali e squaletti, che di certo non hanno dimostrato di amare i colori della maglia granata, hanno di fatto decretato il fallimento della societa’ Trapani Calcio”.

E’ profondamente amareggiato Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani, a poche ore dall’inevitabile esclusione del club dal campionato di serie C: se alle 17.30 la squadra non scendera’ in campo a Catanzaro, non ci saranno appelli.

Normali cittadini, sportivi e tifosi, professionisti, e piccoli imprenditori trapanesi – coordinati dal comitato ‘c’e’ chi il Trapani lo ama’ – fino all’ultimo hanno tentato di salvare il salvabile ma la nuova massa debitoria rivelatasi man mano era diventata insormontabile. Dalla Lega Pro, anche stamani, abbiamo verificato che non e’ possibile ottenere alcuna deroga ne’ ulteriori tempi. Da questo Comitato cittadino e dai tifosi si riparta, con umilta’ ma con dignita’ tutta trapanese, assieme al fardello di tante famiglie di dipendenti a maggior ragione sconfortate. La casa comunale rimane aperta per stimolare ed ospitare in trasparenza ogni possibile intesa di rilancio. Rimarra’ chiusa a nuovi avventurieri, come nella seconda parte del mese scorso nei confronti di soggetti nuovi salvatori di fatto diversamente rivelatesi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin