Calcio, Trapani: a rischio la gara con il Catanzaro, incubo radiazione all'orizzonte :ilSicilia.it
Banner Bibo
Trapani

NUOVE DIMISSIONI DI DANIELE DI DONATO

Calcio, Trapani: a rischio la gara con il Catanzaro, incubo radiazione all’orizzonte

di
4 Ottobre 2020

Manca solo l’ufficialità, ma il Trapani non dovrebbe scendere in campo neanche nella gara di oggi contro il Catanzaro, in programma alle 17:30.

Dopo aver saltato la gara di campionato con la Casertana e quella di Coppa Italia con il Brescia, i granata potrebbero saltare la terza partita ufficiale consecutva. Una simile situazione potrebbe portare anche all’esclusione dal torneo della società sportiva siciliana.

NUOVE DIMISSIONI DI DONATO

Intanto il tecnico Daniele Di Donato, secondo quanto reso noto dallo stesso ex centrocampista di Palermo e Ascoli, ha rassegnato nuovamente le dimissioni.

Mi dispiace tanto per la città – afferma in esclusiva ai microfoni di Gianlucadimarzio.com -, ero venuto a Trapani con la voglia di far bene, ma poi le condizioni sono peggiorate. Ho sperato fino alla fine che tutto si potesse risolvere e che il comitato di tifosi “C’e’ chi il Trapani lo ama” potesse concludere l’acquisto della società. Ho aspettato fino a questa sera e speravo che la situazione si sbloccasse. Con il comitato avrei detto si’ e sarei andato a giocare anche con i ragazzini perche’ c’e’ un progetto dietro che garantiva continuita’. Con Pellino no. Anche se non mi fossi dimesso non credo sarebbe stato possibile andare a Catanzaro“.

Un passaggio di proprietà che veniva dato per fatto, ma poi clamorsamente saltato. Negli uffici del notaio preposto per concludere l’affare, non si è presentato nessun acquirente. A complicare il quadro ci sono anche le situazioni contrattuali con i giocatori in rosa. Il capitano del Trapani Felice Evacuo, ad esempio, ha risolto il proprio contratto con il club granata.

IL SINDACO

“Arrampicatori e speculatori del calcio business, squali e squaletti, che di certo non hanno dimostrato di amare i colori della maglia granata, hanno di fatto decretato il fallimento della societa’ Trapani Calcio”.

E’ profondamente amareggiato Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani, a poche ore dall’inevitabile esclusione del club dal campionato di serie C: se alle 17.30 la squadra non scendera’ in campo a Catanzaro, non ci saranno appelli.

Normali cittadini, sportivi e tifosi, professionisti, e piccoli imprenditori trapanesi – coordinati dal comitato ‘c’e’ chi il Trapani lo ama’ – fino all’ultimo hanno tentato di salvare il salvabile ma la nuova massa debitoria rivelatasi man mano era diventata insormontabile. Dalla Lega Pro, anche stamani, abbiamo verificato che non e’ possibile ottenere alcuna deroga ne’ ulteriori tempi. Da questo Comitato cittadino e dai tifosi si riparta, con umilta’ ma con dignita’ tutta trapanese, assieme al fardello di tante famiglie di dipendenti a maggior ragione sconfortate. La casa comunale rimane aperta per stimolare ed ospitare in trasparenza ogni possibile intesa di rilancio. Rimarra’ chiusa a nuovi avventurieri, come nella seconda parte del mese scorso nei confronti di soggetti nuovi salvatori di fatto diversamente rivelatesi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti