23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.10
Catania

LE SICILIANE NEL QUARTULTIMO TURNO DI LEGA PRO

Calcio, Trapani – Catania: lotta per i play-off. Il Siracusa a un passo dalla salvezza

12 Aprile 2019

A quattro giornate dalla fine, il campionato di Lega Pro – Girone C deve ancora emettere quasi tutti i suoi verdetti, fatta eccezione per la Paganese, la quale è già condannata da diverse giornate ai play-out. Le siciliane giocano tutte domenica, con calcio d’inizio alle 14.30 (Trapani, Siracusa) e alle 16.30 (Catania, Sicula Leonzio).

All’interno del carnet delle partite delle 14.30 il Trapani cerca di riprendere il giusto senso di marcia nel match casalingo contro il Potenza. La formazione di mister Italiano viene dalla pesante sconfitta di Castellamare di Stabia e dalla sonora eliminazione in Coppa Italia, ad opera della Viterbese.

I granata recuperano il portiere Dini fra i pali, mentre rientrano fra i titolari Taugourdeau ed Evaucuo. Sarà ballottaggio invece fra Lomolino e Ramos per una maglia da titolare sulla fascia sinistra. Il Trapani si troverà di fronte un Potenza in ottima forma e in forte autostima, dopo la roboante vittoria in casa contro la Cavese per 4-0 e soprattutto dopo la lunga striscia di risultati utili consecutivi che hanno attestato il club lucano in zona play-off.

Match importante invece per il Siracusa, impegnato nella trasferta contro la Casertana. I campani si trovano a difendere l’ultimo posto utile per la zona play-off, dal ritorno prepotente della Sicula Leonzio. I siciliani sono invece a casa di punti decisivi per consolidare la salvezza e rimanere nel calcio professionistico.

La squadra di Raciti, dopo la vittoria nel turno infrasettimanale contro il Rieti, si trova in una posizione più tranquilla  e può affrontare questa trasferta con serenità. L’allenatore aretuseo potrà contare sull’ottimo stato di forma della sua squadra, certificato dalle quattro vittorie consecutive, nonché sulla grande condizione di Russini, decisivo nel match contro il Rieti.

Nel match delle 16.30, turno interlocutorio per il Catania, impegnato in trasferta contro la Virtus Francavilla. Gli etnei devono difendere il terzo posto dal ritorno del Catanzaro, quarto e a tre punti di distanza. I calabresi però hanno una partita in meno e possono puntare al riaggancio con il recupero contro la Viterbese del primo maggio.

Destano preoccupazioni invece le condizioni del terreno di gioco dello stadio Fanuzzi, delle quali si sono già lamentate diverse squadre nei turni precedenti. Nella trasferta pugliese, il Catania dovrà fare a meno di parte dei suoi tifosi, in quanto la trasferta è stata aperta ai soli possessori di tessera del tifoso.

Infine la Sicula Leonzio è attesa dal match contro la capolista Juve Stabia. I campani vengono dalla vittoria nello scontro diretto contro il Trapani e cercano punti pesanti per chiudere definitivamente il discorso promozione. La Leonzio è invece ad un solo punto dalla zona play-off e crede nell’impresa, dopo la vittoria in casa della Reggina.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.