Calcio: Tuttolomondo bye bye, il vecchio Palermo è fallito. Ipotesi marchio per Mirri? :ilSicilia.it
Palermo

A febbraio si procederà con le domande dei creditori

Calcio: Tuttolomondo bye bye, il vecchio Palermo è fallito. Ipotesi marchio per Mirri?

18 Ottobre 2019

Il vecchio Palermo calcio è ufficialmente fallito.

Il fallimento riguarda la Us Città di Palermo Spa, società per cui la Procura aveva già chiesto lo stato di insolvenza, istanza che venne respinta.

La nuova istanza di fallimento era stata presentata dai pm e dai giocatori della squadra. Secondo i giudici “risulta acclarata la sussistenza dello stato di insolvenza tenuto conto delle ingentissime esposizioni debitorie gravanti sulla società“.

Non è bastato quindi l’intervento in extremis della famiglia Zamparini, che aveva offerto la somma di 10 milioni per provare a chiudere la vicenda con il concordato preventivo. La cifra, però, non è stata ritenuta sufficiente da parte dell’amministratore giudiziario Giovanni La Croce, che nella giornata di ieri ha espresso parere negativo.

Nella mattinata odierna, per tali motivi, dopo la camera di consiglio, il tribunale fallimentare del capoluogo siciliano ha depositato la dichiarazione di fallimento.

La dichiarazione di fallimento complica inevitabilmente le sorti giudiziarie dell’ex patron Maurizio Zamparini sotto processo per ipotesi di falso in bilancio commesse mentre era presidente della società, in quanto l’insolvenza porterebbe alla contestazione del più grave reato di bancarotta fraudolenta.

Inoltre la situazione della vecchia società potrebbe far propendere Dario Mirri verso un tentativo di recupero del vecchio marchio, molto amato dai tifosi e con un valore commerciale da spendere nel processo di trasformazione della nuova SSD Palermo in una spa o in una srl, in vista della possibile promozione in Lega Pro.

Il marchio infatti potrebbe costituire un valore aggiunto all’attivo in conto economico, che potrebbe agevolare di molto non solo le operazioni di mercato ma anche e soprattutto le pubbliche relazioni con i tifosi. Il vecchio marchio, proprio per i risultati sportivi raggiunti dall’ex società, ha una conoscibilità nel mondo imparagonabile rispetto al nuovo marchio progettato per la Serie D.

Che si verifichi una nuova situazione in salsa Cesena anche nel capoluogo siciliano? Staremo a vedere.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.