Calenda in redazione a ilSicilia.it: "Noi il baricentro del buon governo di domani" | VIDEOINTERVISTA | ilSicilia.it :ilSicilia.it

In Sicilia per presentare il nuovo movimento "Azione"

Calenda in redazione a ilSicilia.it: “Noi il baricentro del buon governo di domani” | VIDEOINTERVISTA

di
13 Dicembre 2019

 

Guarda la video intervista in alto

Carlo Calenda, a Palermo per presentare il suo nuovo movimento “Azione“, è venuto a trovarci in redazione a ilSicilia.it e insieme abbiamo commentato le notizie del giorno, a partire dalla schiacciante vittoria nel Regno Unito dei Conservatori di Boris Johnson, ma con uno sguardo puntato sulla politica nazionale e sugli ultimi avvenimenti di casa nostra.

Una vittoria, quella dei Conservatori nel Regno Unito, molto larga, nonostante i sondaggi avessero parlato di una forbice stretta

“E’ una vittoria molto chiara. La Gran Bretagna vuole uscire definitivamente dall’Unione europea. E’ un processo democratico che va rispettato. Certo, siamo in un momento in cui tutto quello che diamo per scontato può crollare. Dobbiamo stare molto attenti. Non ha aiutato il programma dei laburisti che sembrava quasi un programma sovietico. Ecco, rispetto al sovranismo e al populismo di sinistra, occorre anche da noi un’alternativa. Una forza moderata nei valori e non nei contenuti e nei progetti. Per questo è nata “Azione”.

Lei viene dal Pd, ma è andato via dal Partito Democratico a causa del governo con i 5 Stelle. Adesso ha fondato “Azione”. Insomma, che volete fare? 

“Vogliamo costruire un perno che abbia attenzione al buon governo. Io vengo dalla Ferrari, da Sky, dalle aziende: se tu non fai le cose in un’azienda non vai da nessuna parte. Questo Paese chiacchiera di cose a cui non frega niente a nessuno: del fascismo, del populismo. E invece, noi vogliamo essere il punto di riferimento, il baricentro dell’Italia che lavora e produce, dell’Italia che si è rotta le scatole di chiacchiere”. 

Voi vi ponente come forza dell’area moderata, ma esistono già in Italia forze moderate, c’è Italia viva di Renzi, c’è Forza Italia.  Che bisogno c’era di un nuovo movimento?

“Il problema è la coerenza: Renzi è andato al governo con i 5 Stelle. In Italia bisogna sempre guardare quello che uno fa e non quello che uno dice. La coerenza per me è un valore. Forza Italia è la ruota di scorta della Lega, così come “Italia viva” è la ruota di scorta del governo in cui ci sono i 5 stelle. Ecco, quello che ci contraddistingue è la coerenza, che per noi è un valore”. 

Se si votasse dopodomani per le Politiche voi con chi sareste alleati?

“Se si votasse dopodomani cercheremo di costruire un grande fronte repubblicano che metta insieme le forze dal Pd, a Forza Italia a Italia viva, atgtorno a un progetto di rifondazione delle grandi famiglie europee, popolare, liberaldemocratica e socialdemocratica, che devono stare insieme. Se invece si dovesse votare con il proporzionale ci saremo e cercheremo di diventare perno per tutta quest’area”.

Guarda la video intervista in alto

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Saghe familiari: Ray Donovan, Peaky Blinders

Ci sono serie o miniserie tv diverse dalle altre perché piuttosto che raccontare le vicende di singoli personaggi hanno come protagonisti degli interi gruppi familiari. In questi casi le  dinamiche narrative sono diverse, più complesse ed articolate e si sviluppano  in  storie totalmente

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin