Caltanissetta, dipendenti costretti a restituire parte dello stipendio: architetto ai domiciliari :ilSicilia.it
Caltanissetta

il fatto

Caltanissetta, dipendenti costretti a restituire parte dello stipendio: architetto ai domiciliari

di
7 Aprile 2021

La guardia di finanza del comando provinciale di Caltanissetta sta procedendo all’esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, personali e reali, emessa dal gip presso del locale tribunale, su proposta della locale procura distrettuale Antimafia, nei confronti di un 53enne indagato per estorsione, auto-riciclaggio, con l’aggravante per aver commesso il fatto nell’esercizio di attività professionale.

Gli accertamenti investigativi condotti dalle fiamme gialle nissene, hanno portato alla luce una copiosa documentazione riconducibile a una vera e propria contabilità occulta: secondo l’accusa l’indagato, nella sua qualità di amministratore pro tempore di una società con sede in Santa Caterina Villarmosa (CL), approfittando della situazione del mercato del lavoro a lui favorevole per la prevalenza dell’offerta sulla domanda, mediante minaccia di licenziamento, costringeva i propri dipendenti a restituirgli in contanti una quota dei compensi percepiti.

L’indagato, di professione architetto, avrebbe predisposto un collaudato sistema per la costituzione di fondi neri derivanti dagli importi dei contanti pretesi in restituzione dalle vittime, in virtù della sudditanza psicologica determinata dalle condizioni vessatorie imposte; le provviste di denaro contante illecitamente accumulate dall’anno 2011 venivano occultate mediante il reimpiego per le esigenze dettate dall’esercizio dell’attività d’impresa, configurando, pertanto, la condotta penalmente rilevante dell’autoriciclaggio, aggravata dalla commissione del fatto nell’esercizio di attività professionale.

Le risultanze acquisite nel corso delle indagini hanno pertanto determinato l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell’indagato, nonché il sequestro preventivo, anche per equivalente, della somma di 173.204,90 euro.

In sede di esecuzione del provvedimento cautelare, sono state svolte attività di perquisizione delegate dall’Autorità Giudiziaria nissena presso società riconducibili all’indagato in provincia di Caltanissetta, a Palermo e a Mede, nel Pavese, avvalendosi, per queste ultime sedi, del supporto dei Reparti del Corpo territorialmente competenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin