Caltanissetta, i sindacati preoccupati per il futuro della città: "Servono risposte concrete dalle Istituzioni" :ilSicilia.it
Caltanissetta

La nota congiunta di Cgil, Cisl e Uil nissene

Caltanissetta, i sindacati preoccupati per il futuro della città: “Servono risposte concrete dalle Istituzioni”

di
28 Dicembre 2019

Forte preoccupazione dai sindacati nisseni per il futuro di Caltanissetta. Cgil, Cisl e Uil  esprimono un giudizio negativo  visti i numerosi annunci delle istituzioni, mai concretizzati, in materia di finanziamenti per le infrastrutture materiali e immateriali, per la sanità pubblica, per la qualità della vita per lo stato  degli edifici scolastici e per la mancanza di lavoro per le tariffe dei servizi rifiuti e acqua tra le più alte d’Italia e per un livello di povertà relativa che ha raggiunto il 50%.

Nei 22 Comuni – si legge in una nota congiuntanon sono più  rinviabili opere infrastrutturali in grado di collegare e rilanciare l’economia sana, il trasporto su gommato,  sul sistema navale e ferroviario, prima avremo risposte concrete prima potremmo affermare che non esiste l’Italia delle due velocità. Questo deve essere l’impegno di chi può e deve decidere, cioè le Istituzioni politiche“.

Cgil Cisl e Uil hanno apprezzato, finalmente dopo 4 anni di sollecito verso i sindaci dei 22 comuni,la costituzione dell’ A.T.I. (Assemblea Territoriale  Idrica)  che gestirà il sistema idrico integrato e porterà sicuramente enormi vantaggi ai cittadini se amministrata bene.

È inutile nasconderlo – scrivono i segretari Giudice, Gallo, Mudaro e Castaniala provincia di Caltanissetta continua a non avere l’adeguata attenzione da parte di chi può e deve decidere le sorti delle due più grandi aree industriali, Caltanissetta  e Gela e perciò si vedono   costretti a minacciare manifestazioni pubbliche locali o  nazionali  per far sentire il proprio dissenso a questo stato di cose.Un declino che si respira in ognuno dei 22 Comuni  della provincia,con uno spopolamento che è sotto gli occhi di tutti e di conseguenza  una bassa  natalità.
In questo territorio negli anni non sono mancati i finanziamenti ma non si è stati in grado di creare lavoro.Si  fa riferimento ai miliardi del contratto d’area, del patto per l’agricoltura, di tutta l’idea della programmazione negoziata che doveva far vivere un nuovo e sano protagonismo imprenditoriale e invece ha generato macchie nel deserto, capannoni senza alcun perché, se non quello di giustificare la spesa”.

Cgil, Cisl e Uil hanno messo in evidenza che la qualità della vita dei cittadini dipende dalla solidità dei trasferimenti finanziari di Stato e Regione ai Comuni – prosegue la nota -, ma  anche da come i Sindaci si adoperano per evitare il collasso dei servizi alla persona, dalla refezione scolastica, al trasporto locale, all’assistenza agli anziani ed inabili. In questi anni tanti sono stati i beni sequestrati e confiscati per i quali si  propongono  procedure più snelle e veloci per l’assegnazione e per la gestione al fine di offrire prospettive di lavoro ai giovani. Pertanto le organizzazioni sindacali – concludono le sigle nissene – si impegnano attraverso un’azione sinergica con tutte  le istituzioni governative, nazionali, regionali e comunali a  trovare modalità che permettano l’uscita da questa situazione drammatica e di crisi in cui desta il territorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.