19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.24
Caltanissetta

"Chiederò risorse per intervenire sulle strutture vetuste e inadeguate"

Caltanissetta. Veneziano riconfermato segretario della Uilpa Polizia Penitenziaria

9 Marzo 2018

Gioacchino Veneziano è stato riconfermato alla carica di segretario della Uil Pubblica Amministrazione  Polizia Penitenziaria. La decisione durante il congresso regionale che si è svolto a Caltanissetta.

L’intervento di Armando Algozzino

Veneziano ha una lunga esperienza sindacale alle spalle: ha ricoperto anche il ruolo di segretario generale della Uilpa di Trapani e sarà affiancato per i prossimi quattro anni dai colleghi Francesco Salotta, Paolo Duran, Marco Drago e Antonella Orlando.

A Francesco Barresi è stato assegnato dal Consiglio regionale, il ruolo di presidente della Uilpa Polizia Penitenziaria Sicilia. Al centro dei lavori, svoltisi alla presenza del segretario generale, Angelo Urso, e del segretario nazionale, Armando Algozzino, gli effetti della legge Madia, colpevole, secondo il sindacato, di avere eliminato 1.000 poliziotti in Sicilia e bloccato le assunzioni, provocando un ulteriore innalzamento dell’età media degli operatori della Polizia Penitenziaria.

Angelo Urso

“Produciamo sicurezza nelle carceri – spiega  Veneziano – ed è chiaro che, per garantire il ridimensionamento di  reati, evasioni ed eventi critici il dato anagrafico risulta fondamentale: se, da un lato, l’esperienza di un ultracinquantenne rappresenta un patrimonio prezioso, dall’altro occorre personale giovane a tutela dell’ordine. 

Durante il mio mandato – conclude – chiederò risorse per intervenire sulle strutture penitenziarie, molte delle quali sono vetuste e inadeguate”. Una necessità condivisa da tutti i segretari generali provinciali eletti nel corso dei congressi territoriali svoltisi nei giorni scorsi.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.