15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22

Il presidente parla di una "preoccupante situazione di stallo"

Camera di commercio, Picarella: “Musumeci si faccia carico delle giuste responsabilità”

18 Dicembre 2018

Il presidente di Confcommercio Agrigento e presidente Regionale Confcommercio Sicilia, Francesco Picarella riporta all’attenzione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, la “preoccupante situazione di stallo” che da diversi mesi e ancora oggi, sta investendo la costituenda Camera di Commercio di Agrigento, Caltanissetta e Trapani, nonostante siano trascorsi oltre due anni dalle procedure di accorpamento.

Per il mondo delle imprese è un contesto non più accettabile e procrastinabile – afferma il presidente Picarella – poiché non si riescono a dare indicazioni e punti di riferimento agli operatori economici di queste tre provincie”.

Situazione sempre più preoccupante “Si fa ancora più preoccupante – aggiunge Picarella – l’attuale contesto della Camera di Commercio di Agrigento che al momento non può neanche disporre di un Commissario”.

Invitiamo, pertanto, il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, di farsi carico della responsabilità e porre in essere tutti gli atti necessari per l’insediamento degli Organi legittimamente designati per la normale gestione della nuova Camera di Commercio di AG-CL-TP. L’insediamento del Consiglio Camerale farà sì che le imprese di queste provincie, particolarmente bisognose di massima attenzione, possano avere quel sostegno e tutta la promozione necessaria per trovare più occasioni per una sostanziale crescita economica e sociale”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.