Camilleri, la Sicilia come rimpianto: “Non c’è Patria che possa sostituirla” | Video intervista | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Un'intervista a Teleacras del 1987, prima del successo del grande scrittore siciliano

Camilleri, la Sicilia come rimpianto: “Non c’è Patria che possa sostituirla” | Video intervista

di
24 Luglio 2019

 

Guarda la video intervista in alto

Agrigento, febbraio 1987, palazzo della Provincia. Vado a intervistare Andrea Camilleri per Teleacras senza sapere che faccia avesse, conoscendolo di nome – più che di fama – solo per aver visto in città qualche anno prima l’adattamento teatrale di “Un filo di fumo”.

Mi ci manda con Antonio Quagliata il direttore Giovanni Taglialavoro, protagonista degli “anni d’oro” dell’emittente agrigentina e oggi autore Rai a UnoMattina; in studio Luigi Galluzzo, ora redattore di Studio Aperto a Italia1 e all’epoca conduttore del settimanale Reportage, e Angelo Incorvaia, regista e “anima tecnica” di Teleacras.

Immerso in una nuvola di fumo per i dieci minuti dell’intervista, Andrea Camilleri s’impadronisce garbatamente del microfono sin dalla prima domanda – facendomi poi meritare un rimprovero dal direttore – e da consumato regista decide tempi e ritmi dell’intervista.

Non chiede di conoscere prima le domande o la scaletta: si recita a soggetto.

Si parla di televisione, di mafia e di fatti di sangue vissuti in prima persona, della sua Porto Empedocle, della Sicilia di ieri e di quella di domani (cioè, di oggi).

“La Sicilia è una terra troppo antica per potere avere cambiamenti visibili e istantanei, ma sta cambiando: cresce la coscienza di essere siciliani e, per la prima volta, l’orgoglio di esserlo”, profetizza Camilleri.

Si parla anche di Teatro, che è stato la sua vita prima che venisse “investito”- appena pochi anni dopo questa intervista – dal grande successo internazionale di scrittore.

“Il teatro in Grecia nacque perché c’era la schiavitù, anche oggi deve partire dal basso: quelli che danno i soldi non hanno interesse che si faccia buon teatro, perché è sempre contro il potere”.

Il suo pensiero torna alla Sicilia. “Quando ero giovane io, un meridionale non poteva far altro che scappare”.

Maestro, ha rimpianti per aver lasciato la Sicilia? “Sempre, non c’è Patria che possa sostituirla”.

Ma la Sicilia, in realtà, Andrea Camilleri l’ha portata sempre con sé.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin