Il Canazzo o Canazzu, una colorata ricetta della nostra tradizione | LA RICETTA :ilSicilia.it

Tu chiamale se vuoi... Evasioni

Il Canazzo o Canazzu, una colorata ricetta della nostra tradizione | LA RICETTA

di
8 Maggio 2020

Quando iniziamo i nostri articoli con “Tu chiamale se vuoi… Evasioni” scatta subito l’immagine di una cucina invasa di profumi e colori, allegramente confusa, termine che si lega alla nostra ricetta che è quella del Canazzo o “Canazzu”, che si riferisce al modo di cucinare gli ortaggi alla sanfasò, che tradotto in italiano significa alla rinfusa. Si narra che questa pietanza veniva preparata dalle donne che, per le giornate trascorse in campagna dai loro uomini, padri, mariti, figli, con vera genialità culinaria, in un tempo in cui non c’era l’invasione di programmi di e sulla cucina, per renderla più nutriente, tagliavano una pagnotta in due, togliendo la mollica in eccedenza, e la riempivano col “Canazzu”, per poi richiuderla. Un pranzo, insomma, con sorpresa. Paragonata alla caponata, ha in realtà con quest’altra bontà sicula una differenza sostanziale che sta nel fatto che, oltre alle melanzane, vengono aggiunti altri ortaggi di stagione. Nella sua versione stufata, fa pensare più a una ratatouille; ma, adesso, è l’ora di mettersi ai fornelli.

INGREDIENTI PER 8 PERSONE:

  • 5 patate
  • 5 peperoni
  • 5 melanzane
  • 2 cipolle
  • 4 pomodori maturi
  • basilico a vostro piacimento
  • olio Evo
  • sale q.b
  • pepe q.b.

PROCEDIMENTO:

1.Affettate le cipolle e mettetele a soffriggere nell’olio a fiamma bassa.

2.Unite le patate a tocchetti, i pomodori tagliati a metà e aggiungete dell’acqua calda.

3.Tagliamo i peperoni e le melanzane, dopo averli puliti, e aggiungiamoli.

4.A questo punto, salate e aggiungete altra acqua.

5. Se amate l’agrodolce, aggiungete mezzo bicchiere di aceto e un cucchiaino di zucchero.

6.Servite il Canazzo tiepido.

Chiudiamo con Charles Monselet, considerato “il re dei gastronomi” nella Francia del XIX secolo, e il suo: “La cucina fa tremare di intelligenza le nostre narici”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin