Cancelleri: “Liste pulite problema prioritario. Troppi nomi chiacchierati fra i nostri avversari" :ilSicilia.it

Verso le regionali

Cancelleri: “Liste pulite problema prioritario. Troppi nomi chiacchierati fra i nostri avversari”

di
27 Settembre 2017

“Troppi i nomi ‘scomodi’ in corsa per sala d’Ercole, Musumeci fa l’indiano? Gli ricordo che fino a qualche mese fa era il presidente della commissione Antimafia dell’Ars non può far finta di nulla. Siano quantomeno i cittadini ad aprire gli occhi”.

Giancarlo Cancelleri, il candidato governatore della Regione per il Movimento 5 Stelle torna sulla spinosa composizione delle liste che “si gonfia man mano che si definisce il parterre dei candidati in corsa per sala d’Ercole”. Per questo ha scritto alla presidente della commissione Antimafia, dopo l’appello rivoltole a mezzo stampa nei giorni scorsi.

“Alla corte di Musumeci – dice Cancelleri – c’è di tutto. Un articolo dell’Agi, a firma di Paolo Borrometi, passa in rassegna diversi nomi scomodi sotto lo sconfinato ombrellone del centro destra”.

L’articolo parla di una persona con indagini archiviate per voto di scambio e con un fratello con grane giudiziarie e di un sindaco “accusato di una sfilza di reati”, che dovrebbe trovare spazio nelle liste di Forza italia.

“Per non parlare – continua Cancelleri – dei ‘figli d’arte’ come Luigi Genovese, rampollo dell’ex segretario regionale del Pd condannato ad 11 anni per lo scandalo della formazione professionale e Ida Cuffaro, nipote del condannato ex presidente della Regione per favoreggiamento a Cosa nostra che dovrebbe correre per Forza Italia. Dovrebbe essere in lista pure Giuseppe Lombardo, nipote di un altro presidente della Regione condannato”.

“Anche a sinistra, per la verità – continua Cancelleri – non si fanno troppi scrupoli. In quello schieramento, ci ricorda l’articolo dovrebbe trovare spazio il notaio Coltraro ‘che deve rispondere di falso in atto pubblico’ ”.
“Con queste premesse – conclude Cancelleri – sarebbe importantissima una seria verifica delle liste da parte della commissione Antimafia. Per questo siamo passati dall’appello a mezzo stampa alla tastiera. Abbiamo scritto una nota alla Bindi e gliel’abbiamo inviata. Speriamo sortisca qualche effetto. Intanto diciamo ai cittadini di stare con gli occhi apertissimi e di cercare di capire a chi stanno dando il loro voto, prima di scrivere qualsiasi nome sulla scheda elettorale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.