16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39

Cancelleri sorpassa Musumeci, il nuovo sondaggio. E sui social l’avanzata di Micari

19 Ottobre 2017

Il candidato alle prossime elezioni regionaliGiancarlo Cancelleri, affida ad un post su Facebook i risultati di un sondaggio che li vedrebbe in testa.

Ecco alcuni passaggi di quanto scritto sul social network.

Sto girando la Sicilia ormai da anni, ma in questi giorni da quando è iniziato il nostro #SceglieteIlFuturoTour sento un’aria diversa. Le piazze che ci hanno accolto mi hanno sorpreso. Sono arrivate tantissime persone e i  cittadini con cui ho parlato mi hanno detto che ora credono in noi, che questa volta è il momento per cambiare. O ora o mai più. Ce la possiamo fare e loro lo sanno. Anche i sondaggi non riescono più a nascondere quello che sta succedendo. Oggi ne è uscito uno che ci dà in testa, per la prima volta (è stato realizzato da Kleix per Marketing in Politica).

sondaggio-cancelleriIo non credo ai sondaggi, ma credo alle piazze che vedo e credo alle persone che incontro. I siciliani hanno capito il gioco di Musumeci, che è solo una foglia di fico dietro cui si nascondono impresentabili arrestati e condannati e tutti quei politici che hanno già governato e devastato la Sicilia: Miccichè, Cuffaro, Genovese, Lombardo and co.

La lotta è ardua e impari.

Questa elezione potrebbe essere decisa per una manciata di voti e non possiamo permetterci il lusso di non fare tutto quanto è nelle nostre disponibilità, perchè poi lo rimpiangeremo per sempre. La lista del MoVimento 5 Stelle è l’unica linda e pulita come la mia camicia. Siamo gli unici ad avere un programma, gli unici ad avere la credibilità per portarlo a termine”.

In risposta al sondaggio pubblicato da Cancelleri arriva sempre su Facebook uno studio fatto da, Francesco Passantino, un digital strategist che invece evidenzia l’avanzata di Micari, da un’analisi delle interazioni sul social network.


I dati emersi, che valutano gli aspetti qualitativi, dimostrano che un utente su tre della pagina Facebook del candidato Micari oltre al singolo Like sulla fan page, esprime interesse ed effettua interazioni sui contenuti nel periodo osservato. A più di 14 punti percentuali di distanza si posiziona Fava, a quasi 20 punti di distanza Musumeci. Il Candidato Cancelleri, nonostante la grande portata della sua fan page, riesce ad attrarre e conservare circa il 10% degli utenti sottoscrittori, scontando l’anzianità della pagina e la distanza geografica di buona parte dei sottoscrittori.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.