Cancello abusivo sotto casa dell'assessore? Le Iene a Palermo "inchiodano" Giusto Catania | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il servizio in onda ieri

Cancello abusivo sotto casa dell’assessore? Le Iene a Palermo “inchiodano” Giusto Catania | VIDEO

di
20 Novembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Io non c’entro niente con questa vicenda. Se me l’avessero detto prima…”. Così l’assessore alla Mobilità del Comune di Palermo, Giusto Catania, ha liquidato il cronista de Le Iene, Antonino Monteleone.

Eppure l’assessore abita proprio lì, in un condominio che avrebbe piazzato un cancello che chiude un’area pubblica trasformandola in privata nel centro di Palermo.

cortile degli schiavi, cancello Giusto Catania, ieneSiamo in via del Celso, e precisamente nel Cortile degli Schiavi, nel Centro Storico. Per Giusto Catania quel cancello non è abusivo a avrebbe tutte le autorizzazioni. Eppure sei mesi fa l’intero condominio era stato denunciato alla Procura per questo fatto. L’indagine fu poi archiviata perché non si trovò l’effettivo responsabile del montaggio del cancello. Ma ciò non significa che fosse tutto regolare.

Perfino il consigliere Igor Gelarda aveva sollevato la questione al sindaco, senza ottenere alcuna risposta.

Monteleone fa chiarezza in questa vicenda che si trascina da mesi e spinge il sindaco Leoluca Orlando a promettere: “Se qualcuno ha chiuso un occhio, pagherà”. Sarà vero?

Intanto il cancello resta al suo posto. E l’assessore Giusto, “giusto giusto non ne sa niente”, scherzano Le Iene. «Lui ce l’aveva sotto il naso il cancello – chiosa Monteleone – Come fa a governare una città così grande come Palermo, un assessore alla Mobilità che non sa che il cancello sotto casa sua non ci potrebbe stare?»

Giusto Catania, Le IenePronta la replica oggi su Facebook dell’assessore Catania: «Esiste la Verità: il cancello non è mio, non l’ho messo io, l’ho trovato quando sono andato ad abitare lì, non ha alcuna relazione con il mio appartamento. Poi esiste la Giustizia: l’inchiesta penale a mio carico è stata archiviata. Ed infine esistono Le Iene… #GognaMediatica #MacchinaDelFango», scrive sui social.

L’assessore però dimentica che esiste la legge e senza un’apposita ordinanza sindacale quel cancello lì non ci potrebbe stare.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.