Cancro del colon: l'utilizzo di bibite con dolcificanti artificiali ridurrebbe il rischio di morte. Ecco i risultati di uno studio :ilSicilia.it

Cancro del colon: l’utilizzo di bibite con dolcificanti artificiali ridurrebbe il rischio di morte. Ecco i risultati di uno studio

di
28 Luglio 2018

Assolutamente stupefacente il risultato di uno studio recentissimamente pubblicato su una rivista internazionale (Plos One, 19 luglio 2018): i malati di cancro al colon (stadio 3) che consumano almeno 350 cc di bibite zuccherate artificialmente riduce del 23% il rischio di ricorrenza o morte.

Lo studio parte da evidenze che dimostrano un legame tra una dieta ipercalorica e ad elevato tenore di zuccheri (incluse le bevande zuccherine) e una riduzione della sopravvivenza nei malati di cancro del colon.

Lo studio dal nome “Alliance for Clinical Trials in Oncology” ha seguito più di mille pazienti trattati chirurgicamente a causa del cancro del colon e seguiti nel tempo (il 50% per almeno 7 anni) raccogliendo tutte le informazioni sulla dieta e lo stile di vita. Quando i ricercatori hanno analizzato i dati verificando cosa succedeva se le persone sostituivano bevande zuccherate con quelle zuccherate artificialmente i risultati hanno evidenziato una riduzione del rischio di morte o di ripresa di malattia.  Ovviamente si tratta del primo studio e anche se la numerosità della popolazione studiata è rilevante bisogna aspettare altri studi per confermare questi dati.

Tuttavia, esistono molte evidenze che associano un regime alimentare sbagliato, ipercalorico e con un eccesso di carboidrati all’aumento rischio di obesità, diabete e comparsa di cancro. Ci sono studi che dimostrano come una dieta di tipo mediterraneo è in grado di ridurre il rischio di insorgenza di neoplasie. Quindi appare verosimile affermare che non sono i carboidrati, cioè gli zuccheri semplici o complessi, che svolgono un effetto tossico ma il loro consumo esagerato.

In effetti un altro recente lavoro pubblicato su una rivista scientifica prestigiosa (JAMA Internal Medicine, luglio 2018) riformula il legame tra obesità e aumentato introito calorico ( cioè mangiare troppo) introducendo il concetto di aumentato introito calorico ma spostato sui carboidrati (mangiare troppo e male) che porterebbe all’aumentata produzione di insulina da parte del pancreas, alla conseguente insulino-resistenza e quindi all’attivazione di meccanismi che conducono più velocemente all’obesità e all’aumentato rischio cardiovascolare, metabolico (più diabete) e di cancro.

Da oggi forse è meglio eliminare l’uso di bevande zuccherine e sostituirle se non se ne può fare a meno con quelle dolcificate artificialmente a calorie zero. Voglio ricordare a tutti quanto sia importante per godersi la vita appieno un corretto stile di vita con una sana alimentazione, attività fisica costante nel tempo, uso moderato di alcool (ma solo in età adulta) e … niente fumo!

diagramma prof corrao

 

Se vuoi rimanere aggiornato su ricerca, prevenzione, bandi e concorsi e tanto altro vai su sanitainsicilia.it

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.