Candiani (Lega): "Disgusto per la meschina ironia politica sul coronavirus" :ilSicilia.it

il riferimento è alle frasi dello scrittore Cappellani

Candiani (Lega): “Disgusto per la meschina ironia politica sul coronavirus”

di
22 Febbraio 2020

Sono impressionato dalla sconfinata meschinità di questo soggetto, che per fare un’ironia politica gretta e bassa usa una situazione tanto drammatica nella quale sono già morte persone e tante altre rischiano di morire. Provo profondo disgusto per questa provocazione assurda e penso alle famiglie di chi sta vivendo 

Ottavio Cappellini post

il dramma del contagio, ai medici, ai sanitari ai sindaci e a tutti coloro che si stanno impegnando per impedire la diffusione del contagio” ha commentato il senatore Stefano Candiani, commissario della Lega in Sicilia, le affermazioni scritte su Facebook dallo scrittore Ottavio Cappellani, a proposito del coronavirus.

Trovo inaccettabile – conclude Candiani – il silenzio e la mancata condanna di queste dichiarazioni da parte della politica siciliana e nazionale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.