Candiani (Lega): "Disgusto per la meschina ironia politica sul coronavirus" :ilSicilia.it
Banner Bibo

il riferimento è alle frasi dello scrittore Cappellani

Candiani (Lega): “Disgusto per la meschina ironia politica sul coronavirus”

di
22 Febbraio 2020

Sono impressionato dalla sconfinata meschinità di questo soggetto, che per fare un’ironia politica gretta e bassa usa una situazione tanto drammatica nella quale sono già morte persone e tante altre rischiano di morire. Provo profondo disgusto per questa provocazione assurda e penso alle famiglie di chi sta vivendo 

Ottavio Cappellini post

il dramma del contagio, ai medici, ai sanitari ai sindaci e a tutti coloro che si stanno impegnando per impedire la diffusione del contagio” ha commentato il senatore Stefano Candiani, commissario della Lega in Sicilia, le affermazioni scritte su Facebook dallo scrittore Ottavio Cappellani, a proposito del coronavirus.

Trovo inaccettabile – conclude Candiani – il silenzio e la mancata condanna di queste dichiarazioni da parte della politica siciliana e nazionale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin