Candiani (Lega): "Musumeci paga il prezzo di un presidente Ars come Miccichè" | VIDEO INTERVISTA | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Ai nostri microfoni il commissario del Carroccio in Sicilia

Candiani (Lega): “Musumeci paga il prezzo di un presidente Ars come Miccichè” | VIDEO INTERVISTA

4 Giugno 2019

 

Guarda la video intervista in alto

Stefano Candiani, sottosegretario all’Interno e commissario regionale della Lega in Sicilia conferma la linea del partito di Matteo Salvini che non ha intenzione di contrattare posti in giunta regionale: “Non capisco perchè non si parli mai di programmi, non ci interessano alchimie e non ci interessano poltrone ma con Musumeci siamo disponibili al dialogo su tre quattro grandi temi strategici per la Sicilia. Si parli di programmi e non di altro”.

Nessuno sconto invece all’Assemblea regionale siciliana guidata da Micciché: “Sul dato che il presidente della Regione sia all’ultimo posto nel gradimento dei governatori italiani, temo che Musumeci stia pagando il prezzo di un presidente dell’Assemblea regionale come Miccichè. Fatte le dovute eccezioni, siamo davanti a un’Ars che si impegna in equilibrismi ed equilibri ma non parla di programmi e questo non ci interessa. Chi impegna il proprio tempo per protagonismi personali, con atteggiamenti che non sono certo da presidente di un parlamento, si qualifica da solo. Il fatto che dica che chi vota Lega meriterebbe di essere ammazzato è una cosa particolarmente grave, ma non ho visto molta indignazione su queste affermazioni, il che mi lascia perplesso sul livello dell’Ars”. 

Sul successo della Lega in Sicilia, che ha ottenuto oltre il 20 per cento dei voti, è soddisfatto ma mantiene i piedi per terra: “Ha pagato la credibilità del nostro progetto politico“. Sui rapporti nel centrodestra e sulla possibilità di una riedizione del centrodestra tradizionale anche per il futuro, manda un chiaro messaggio politico, che suona anche come un manifesto programmatico in vista di eventuali prossime scadenze elettorali: “Categorie come centrodestra e centrosinistra sono superate. Noi in questo anno abbiamo portato al governo una parte di programma che avevamo condiviso alle scorse Politiche con Fratelli d’Italia e Forza Italia e che stiamo attuando: il fatto che nell’attuazione di questo programma molti elettori oggi guardino alla Lega vuol dire anche che stiamo andando oltre a quegli stretti confini che si erano delineati nei vent’anni passati. Ecco, questo mi interessa, dare riposte. Se poi si aggregano persone e si aggrega un’area che guarda alla sovranità italiana, all’interesse italiano siamo ben contenti di essere locomotiva ed essere trainanti nello scenario italiano.”

In merito, invece, agli equilibri interni nel Partito, in primis sul ruolo dei responsabili degli enti locali della Lega Fabio Cantarella e Igor Gelarda (il primo non candidato alle europee e il secondo non eletto per pochi voti), Stefano Candiani rassicura tutti, in primo luogo proprio i militanti, sulla tenuta del progetto: “In una competizione c’è chi viene eletto e chi no, ma è il risultato che fa gioco di squadra e tutti fanno parte di questo gioco di squadra che continua. Ciascuno fa la propria parte. La campagna elettorale è finita e il giorno dopo si ricomincia a lavorare tutti insieme.

Insomma, un modo per chiudere sul nascere eventuali polemiche e fraintendimenti e confermare fiducia a chi fino ad ora ha portato avanti il vessillo leghista in Sicilia: L’attività militante continua, non si ferma, tutti insieme, a partire dal territorio, dalle amministrazioni locali, dai Comuni dove c’è gente che dà l’esempio della migliore politica”. 

Guarda per i dettagli la video intervista in alto

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.