Candiani: “Pretendiamo che i mafiosi restino in carcere, il ministro Bonafede si dimetta” :ilSicilia.it

il segretario della Lega in Sicilia attacca

Candiani: “Pretendiamo che i mafiosi restino in carcere, il ministro Bonafede si dimetta”

di
6 Maggio 2020

Dopo la scarcerazione del boss Franco Cataldo, condannato all’ergastolo per il rapimento del piccolo Giuseppe Di Matteo, il segretario della Lega in Sicilia, Stefano Candiani, attacca: “Pretendiamo che i mafiosi restino in carcere, Bonafede si dimetta da ministro”.

“La Lega Sicilia Salvini Premier – si legge nella nota – reputa vergognosa e assurda l’avvenuta scarcerazione di un mafioso, già condannato all’ergastolo per essere stato fra i carcerieri di Giuseppe Di Matteo, il bambino assassinato e sciolto nell’acido da “Cosa nostra”.

Il ministro Bonafede è palesemente inadeguato al proprio ruolo – sottolinea Candiani – perché siamo davanti all’ultimo atto di una gestione approssimativa di un dicastero delicato e strategico come la Giustizia. Queste scarcerazioni, che si susseguono ormai a ritmo incessante, avallano, infatti, il messaggio che lo Stato, le istituzioni non hanno memoria. Noi invece non dimentichiamo e pretendiamo che i mafiosi tornino e restino in galera”.

“Il fatto, poi, che Bonafede stia studiando una norma che consenta ai magistrati di sorveglianza di rivalutare le scarcerazioni già disposte – prosegue Candiani – vuol dire mettere una pezza a una situazione che è chiaramente sfuggita di mano, segno evidente di incompetenza. Se a questo si aggiungono le continue gaffes del ministro sui temi della giustizia e l’ultima gravissima vicenda del mancato affidamento del Dap al magistrato Nino Di Matteo, dopo che i boss si sarebbero lamentati di questa ventilata possibilità, si comprende che l’unica strada percorribile è quella delle dimissioni immediate di Bonafede da ministro”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Mafia, scarcerato anche un ergastolano, carceriere del piccolo Giuseppe Di Matteo

Nino Di Matteo: “Bonafede mi offrì il ruolo di capo del Dap ma poi fece dietro-front”. I boss non gradivano

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.