Candiani replica a Rizzotto: "La Sicilia e la Lega non hanno bisogno di cacciatori di poltrone" :ilSicilia.it

un "addio senza rimpianti”

Candiani replica a Rizzotto: “La Sicilia e la Lega non hanno bisogno di cacciatori di poltrone”

25 Luglio 2019

“La Lega si serve, della Lega non ci si serve”. Cosi il Commissario regionale del Carroccio, Stefano Candiani, interviene sulle dichiarazioni rilasciate da Toni Rizzotto in conferenza stampa.

“Da parte del deputato solo una lettura parziale della vicenda: quando Rizzotto ha capito che la nuova impronta della Lega in Sicilia, da oltre un anno era centrata su trasparenza, lealtà e gioco di squadra e che non ci sarebbe stato spazio per dannosi personalismi, ha cominciato a muoversi in solitaria non rispondendo più alle direttive del partito, fino alla necessaria espulsione di qualche settimana fa. Si aderisce alla Lega perché si crede negli ideali portati avanti da Matteo Salvini e non per agguantare una poltrone, approfittandosi del consenso e dei tanti voti che oggi ha la Lega. Rizzotto – conclude Candiani – cominci pure un percorso in autonomia anche se in realtà non lo ha mai lasciato e la pressoché assenza di atti da lui firmati in Assemblea Legislativa, ne sono la conferma. La Sicilia e la Lega non hanno bisogno di cacciatori di poltrone, addio senza rimpianti”.

Igor Gelarda, Stefano Candiani e Fabio Cantarella copiaA fare quadrato attorno al commissario regionale Lega Sicilia ci sono i responsabili enti locali del Carroccio Fabio Cantarella, Igor Gelarda e il commissario provinciale di Palermo Antonio Triolo“Non so se le giustificazioni addotte dall’onorevole Rizzotto siano più patetiche o surreali – precisa CantarellaMi pare si tratti solo di un inutile tentativo di nobilitare un’operazione di trasformismo politico. La Lega è una comunità umana e politica che ha regole chiare e condivise non c’è posto per chi aspira a riscaldare poltrone o parlare con sottosegretari”.

“La Lega è una squadra, in Sicilia come da tutte le altre parti d’Italia – afferma Gelarda – Chi non è disposto a sacrificare il proprio tempo per migliorare questa terra e chi non comprende che il lavoro di squadra è alla base del progetto di Matteo Salvini non può stare in questo partito. La Lega in Sicilia ha bisogno di leoni e non di mestieranti della vecchia politica”.

 

LEGGI ANCHE:

Tony Rizzotto (Ora Sicilia): “Non ero più gradito al partito della Lega”

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.