Candiani replica a Rizzotto: "La Sicilia e la Lega non hanno bisogno di cacciatori di poltrone" :ilSicilia.it

un "addio senza rimpianti”

Candiani replica a Rizzotto: “La Sicilia e la Lega non hanno bisogno di cacciatori di poltrone”

di
25 Luglio 2019

“La Lega si serve, della Lega non ci si serve”. Cosi il Commissario regionale del Carroccio, Stefano Candiani, interviene sulle dichiarazioni rilasciate da Toni Rizzotto in conferenza stampa.

“Da parte del deputato solo una lettura parziale della vicenda: quando Rizzotto ha capito che la nuova impronta della Lega in Sicilia, da oltre un anno era centrata su trasparenza, lealtà e gioco di squadra e che non ci sarebbe stato spazio per dannosi personalismi, ha cominciato a muoversi in solitaria non rispondendo più alle direttive del partito, fino alla necessaria espulsione di qualche settimana fa. Si aderisce alla Lega perché si crede negli ideali portati avanti da Matteo Salvini e non per agguantare una poltrone, approfittandosi del consenso e dei tanti voti che oggi ha la Lega. Rizzotto – conclude Candiani – cominci pure un percorso in autonomia anche se in realtà non lo ha mai lasciato e la pressoché assenza di atti da lui firmati in Assemblea Legislativa, ne sono la conferma. La Sicilia e la Lega non hanno bisogno di cacciatori di poltrone, addio senza rimpianti”.

Igor Gelarda, Stefano Candiani e Fabio Cantarella copiaA fare quadrato attorno al commissario regionale Lega Sicilia ci sono i responsabili enti locali del Carroccio Fabio Cantarella, Igor Gelarda e il commissario provinciale di Palermo Antonio Triolo“Non so se le giustificazioni addotte dall’onorevole Rizzotto siano più patetiche o surreali – precisa CantarellaMi pare si tratti solo di un inutile tentativo di nobilitare un’operazione di trasformismo politico. La Lega è una comunità umana e politica che ha regole chiare e condivise non c’è posto per chi aspira a riscaldare poltrone o parlare con sottosegretari”.

“La Lega è una squadra, in Sicilia come da tutte le altre parti d’Italia – afferma Gelarda – Chi non è disposto a sacrificare il proprio tempo per migliorare questa terra e chi non comprende che il lavoro di squadra è alla base del progetto di Matteo Salvini non può stare in questo partito. La Lega in Sicilia ha bisogno di leoni e non di mestieranti della vecchia politica”.

 

LEGGI ANCHE:

Tony Rizzotto (Ora Sicilia): “Non ero più gradito al partito della Lega”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro