Candiani suona la carica: "Non ci federiamo ad altri gruppi, vogliamo una Sicilia leghista" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Sul blog "Nuove Verrine" il senatore detta la linea del Carroccio

Candiani suona la carica: “Non ci federiamo ad altri gruppi, vogliamo una Sicilia leghista”

di
9 Ottobre 2018

Stefano Candiani detta la linea politica della Lega – Salvini Premier per la Sicilia. Dopo il bagno di folla della scorsa settimana a Palermo, il commissario del Carroccio per l’Isola e sottosegretario del governo giallo-verde scrive nero su bianco compiti e obiettivi del proprio ruolo. E per farlo sceglie il blog culturale Nuove Verrine, che da qualche tempo ospita diversi contributi di studiosi, docenti, psicologi ed esponenti della cosiddetta “società civile siciliana”.

Il numero uno leghista rivolge un messaggio chiaro ad altre formazioni che in un recentissimo passato sembrava guardassero con interesse a un’intesa con la Lega, prima fra tutte #DiventeràBellissima, che non viene citata direttamente, ma il cui riferimento appare evidente: “Non abbiamo alcuna intenzione di avviare percorsi federativi con gruppi autonomi. Poiché il nostro obiettivo non sono poltrone o voti, piuttosto contribuire con la Sicilia e con tutte le regioni del Sud a ricostruire un’Italia che questa volta sappia ricordarsi di tutti”. Dunque, porte chiuse ad accordi con altri gruppi politici locali.

“Dal modello Lega – scrive il senatore Candiani – regioni come la Sicilia possono solo ottenere vantaggi. L’autonomia siciliana, ad esempio, non ha funzionato in quanto è appartenuta ad una Sicilia che aveva contro il resto d’Italia. Una diffusa coscienza autonomista sul territorio nazionale non potrà che rafforzare le specificità regionali, e nella fattispecie della Sicilia che su questo percorso è avanti dal punto di vista normativo. Anche se le norme sono state disattese dallo Stato, ed in parte anche dalla classe politica siciliana. In questo la Lega ha dei modelli virtuosi di formazione, ha attivato una scuola ed ha un processo di selezione interno che premia altamente il merito ed intende fornire l’indiscussa capacità di amministrare sui territorio come modello anche per la Sicilia”.

“Questo processo di rinnovamento – scrive ancora il commissario leghista – che finalmente dia voce ai territori, è parte dell’identità stessa della Lega. È parte del suo DNA. Ricordo infatti che la Lega nasce proprio dall’unione di gruppi locali che rivendicano, separatamente, maggiori autonomie territoriali. Perché questo processo possa avvenire in modo strutturale è necessario il concorso di tutta l’Italia. È indispensabile che ogni territorio partecipi al piano di riorganizzazione del Paese, forte delle proprie specificità e che sappia concertarle con gli altri territori”.

Candiani spiega, quindi, il proprio ruolo, affermando come l’incarico di guidare la Lega nell’Isola sia solo transitorio, nell’attesa che una classe dirigente leghista maturi e sia pronta per interpretare al meglio le rivendicazioni della Sicilia: “Noi desideriamo una Sicilia leghista, che possa sposare l’impianto generale del processo autonomistico proposto dalla Lega a partire dalle sue rivendicazioni e specificità. Per fare questo dovranno essere i siciliani a guidarla. Il mio, dunque, è un mandato che finirà tanto prima, quanto prima saremo stati in grado di formare un gruppo dirigente, che fatte proprie le modalità di azione della Lega, le sappia declinare sul territorio siciliano usando il linguaggio della Sicilia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin