Cani da tutto il mondo al Parco della Favorita :ilSicilia.it
Palermo

Ci saranno circa 920 cani

Cani da tutto il mondo al Parco della Favorita

di
19 Maggio 2017

Due giornate, domani e domenica,  dedicate al migliore amico dell’uomo, nella struttura equestre del Parco della Favorita: è  la 66esima internazionale canina organizzata dal “Kennel Club Palermo – gruppo cinofilo palermitano”. Alla manifestazione, promossa con il patrocinio del Comune di Palermo, si sono iscritti circa 920 cani di 130 razze, provenienti da tutta Italia, dalla Repubblica Ceca, Austria, Slovenia, Malta, Francia.  Anche quest’anno ci sarà una giuria internazionale composta, oltre che da esperti italiani, anche da giudici provenienti da Austria, Turchia e Cipro.

Si inizia sabato alle 10 con il raduno di circa 120 esemplari di Dogo Argentino e Retrievers, dalle 15,30 toccherà al Cane Corso. Il clou della manifestazione si terrà domenica quando ci saranno oltre 800 cani in gara di tutte le altre razze, dalle più rappresentate come Boxer, Rottweiler, Dobermann, Labrador e Alani, alle razze più rare e “curiose” come Komondor, Basset Hound e Bichon à Poil Frisé..

Nel corso della mattinata ci saranno le gare “ad eliminazione” per giungere, nel pomeriggio dalle 16 circa, alle finali e alle premiazioni. Sempre nel pomeriggio di domenica si svolgerà la rassegna di esemplari del “Cane di Mannara”, razza siciliana da poco riconosciuta dall’Enci (Ente nazionale cinofilia italiana).

Oltre alle graduatorie per le singole razze, sarà premiato anche il “Best in Show” (il miglior cane in gara) con un premio speciale intitolato alla memoria di Giuseppe Fiore, già presidente dell’Enci e del Kennel Club Palermo.

All’interno della struttura equestre della Favorita saranno allestiti 14 ring, oltre ad alcune “zone d’ombra” e “punti acqua” per far riposare e rilassare i cani in gara. Il pubblico (l’ingresso è gratuito) potrà sostare e usufruire delle aree food e delle zone commerciali, con stand dedicati alla vendita di oggetti e accessori per cani.

Torna quello che ormai è diventato un appuntamento fisso per i palermitani e per il mondo della cinofilia – dice Giorgio Varoli, presidente del Kennel Club Palermo – un’occasione per rinsaldare la nostra passione per la tutela e la salvaguardia delle razze, ma al tempo stesso un modo per avvicinare e informare i tanti appassionati e curiosi che ogni anno assistono alla manifestazione”. “Dopo un periodo difficoltà al quale è seguito un commissariamento che ha rimesso in carreggiata la struttura – prosegue Varoli – oggi il Kennel Club Palermo affronta per il secondo anno consecutivo l’esposizione internazionale con la Presidenza e il Consiglio Direttivo nel pieno delle loro funzioni. I risultati sono visibili, quest’anno i cani iscritti sono circa 300 in più rispetto al 2016. Palermo può finalmente contare su un gruppo cinofilo in crescita”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.