Cani trasferiti da Palermo a Caserta in condizioni disumane, presentato atto di diffida contro il sindaco Orlando :ilSicilia.it
Palermo

LA NOTA DELLE ASSOCIAZIONI ANIMALISTE

Cani trasferiti da Palermo a Caserta in condizioni disumane, presentato atto di diffida contro il sindaco Orlando

di
19 Ottobre 2020

E’ stato presentato un atto di diffida al sindaco Leoluca Orlando ed a tutta l’amministrazione comunale di Palermo, da parte delle Associazioni Animaliste, per il trasferimento dei cani presso le strutture Pets boarding house e Dogs Town in provincia di Caserta.

LA NOTA

Dopo l’ intervento ispettivo effettuato dal Consigliere Ferrandelli e dalle consulenti per il benessere animale incaricate dal partito +Europa – scrivono le associazioni nel comunicato -, dopo aver costatato gravissime anomalie e criticità sull’esecuzione del bando di gara e sullo stato di detenzione degli animali le Associazioni Lega del Cane Palermo, L.i.DA sezione Palermo, A. D. A. Amici degli animali Palermo, Lo Scodinzolo, Felici nella Coda, Ridai la vita ad un rott di Novi Ligure, l’associazione Comitati Civici di Palermo, Anima animAlista Ovd ed Un Atto d’amore Onlus; diffidano formalmente l’amministrazione Comunale e chiedono l’interruzione del bando”.

Inoltre, il legale Aurora Lo Prete depositerà, alle Procure di Caserta e di Palermo, la denuncia delle volontarie che si sono recate in ispezione nella struttura.

Non ci fermeremo – dichiarano gli animalisti -. Stiamo predisponendo altre azioni legali anche per danno erariale“.

E’ inammissibile trovare cani sofferenti e deperiti in una struttura che percepisce soldi pubblici. E’ vergognoso che il Comune di Palermo non vigili sullo stato di salute degli animali deportati mandandoli al proprio destino indotto da altri causando sofferenze e patimenti. Stiamo anche valutando di denunciare il Sindaco Orlando per maltrattamento animale“.

LE CONDIZIONI DEGLI ANIMALI

La gara d’appalto per gli animali del capoluogo era stata indetta dal comune di Palermo nell’ Ottobre 2017. Il bando è stato poi aggiudicato nell’Ottobre 2018, mediante firma definitiva del contratto per il valore di € 383.250,00 oltre iva.

Per ogni cane, il comune di Palermo paga inoltre una diaria di 3,50 euro al giorno. In tutto, fra le due strutture coinvolte, sono ospitati circa 200 cani. Una cifra complessiva che costa alle casse di Palazzo delle Aquile, e quindi ai palermitani, circa 270.000 euro all’anno.

Sulla struttura, il consigliere di Più Europa Fabrizio Ferrandelli dichiarava ai nostri microfoni quanto segue. “I cani non hanno nè mangiato nè sono stati fatti uscire per fare una sgambata. Sono stato presente lì dalla mattina fino alle 17:30 e non ho visto nulla del genere“.

Nella struttura ci sono cani denutriti o comunque con problemi fisici. Alla richieste delle cartelle cliniche, quest’ultime non erano presenti. Anche se qualcuno volesse adottare un cane, come fa a prenderselo non sapendo neanche che patologia ha? L’obiettivo finale di queste strutture è non solo accudire, ma permettere agli “ospiti” di trovare una casa“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin