17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.05
Palermo

Fratelli d’Italia da sempre a favore del benessere degli animali

Canile, Carolina Varchi (Fdi) accusa il sindaco Orlando: “Svende anche i randagi”

21 Marzo 2019

“L’assurda vicenda del canile municipale di Palermo e della deportazione degli animali in Campania è emblematica dell’inadeguatezza gestionale del sindaco Leoluca Orlando, che non è mai riuscito, in tanti anni di vita amministrativa, a garantire condizioni di vita decorose né agli umani né tantomeno agli animali”.

Queste le parole con cui Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, stigmatizza il trasferimento dei cani in una struttura privata di Caserta.

“All’amministrazione comunale – afferma la parlamentare – non importa nulla del destino degli incolpevoli animali : il loro trasferimento in Campania renderà impossibile monitorare le loro condizioni di detenzione e, di certo, non risolverà la piaga del randagismo, che solo una politica accorta e sensibile può contrastare”.

“La svendita dei cani – aggiunge – è solo l’ultimo atto di un sindaco alla guida di una città che non è né a misura d’uomo né a misura di animale: nell’agenda del primo cittadino, come è noto, il primo posto è occupato dalle vicende che riguardano esclusivamente i migranti”.

Fratelli d’Italia – conclude – è da sempre un partito schierato a favore del benessere e del trattamento etico degli animali: una volta alla guida della città, sapremo bene cosa fare per prevenire il fenomeno dell’abbandono,  favorire le adozioni e promuovere la sterilizzazione dei randagi”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.