Canile, Carolina Varchi (Fdi) accusa il sindaco Orlando: “Svende anche i randagi" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Fratelli d’Italia da sempre a favore del benessere degli animali

Canile, Carolina Varchi (Fdi) accusa il sindaco Orlando: “Svende anche i randagi”

21 Marzo 2019

“L’assurda vicenda del canile municipale di Palermo e della deportazione degli animali in Campania è emblematica dell’inadeguatezza gestionale del sindaco Leoluca Orlando, che non è mai riuscito, in tanti anni di vita amministrativa, a garantire condizioni di vita decorose né agli umani né tantomeno agli animali”.

Queste le parole con cui Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, stigmatizza il trasferimento dei cani in una struttura privata di Caserta.

“All’amministrazione comunale – afferma la parlamentare – non importa nulla del destino degli incolpevoli animali : il loro trasferimento in Campania renderà impossibile monitorare le loro condizioni di detenzione e, di certo, non risolverà la piaga del randagismo, che solo una politica accorta e sensibile può contrastare”.

“La svendita dei cani – aggiunge – è solo l’ultimo atto di un sindaco alla guida di una città che non è né a misura d’uomo né a misura di animale: nell’agenda del primo cittadino, come è noto, il primo posto è occupato dalle vicende che riguardano esclusivamente i migranti”.

Fratelli d’Italia – conclude – è da sempre un partito schierato a favore del benessere e del trattamento etico degli animali: una volta alla guida della città, sapremo bene cosa fare per prevenire il fenomeno dell’abbandono,  favorire le adozioni e promuovere la sterilizzazione dei randagi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.