Canile, Carolina Varchi (Fdi) accusa il sindaco Orlando: “Svende anche i randagi" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Fratelli d’Italia da sempre a favore del benessere degli animali

Canile, Carolina Varchi (Fdi) accusa il sindaco Orlando: “Svende anche i randagi”

21 Marzo 2019

“L’assurda vicenda del canile municipale di Palermo e della deportazione degli animali in Campania è emblematica dell’inadeguatezza gestionale del sindaco Leoluca Orlando, che non è mai riuscito, in tanti anni di vita amministrativa, a garantire condizioni di vita decorose né agli umani né tantomeno agli animali”.

Queste le parole con cui Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, stigmatizza il trasferimento dei cani in una struttura privata di Caserta.

“All’amministrazione comunale – afferma la parlamentare – non importa nulla del destino degli incolpevoli animali : il loro trasferimento in Campania renderà impossibile monitorare le loro condizioni di detenzione e, di certo, non risolverà la piaga del randagismo, che solo una politica accorta e sensibile può contrastare”.

“La svendita dei cani – aggiunge – è solo l’ultimo atto di un sindaco alla guida di una città che non è né a misura d’uomo né a misura di animale: nell’agenda del primo cittadino, come è noto, il primo posto è occupato dalle vicende che riguardano esclusivamente i migranti”.

Fratelli d’Italia – conclude – è da sempre un partito schierato a favore del benessere e del trattamento etico degli animali: una volta alla guida della città, sapremo bene cosa fare per prevenire il fenomeno dell’abbandono,  favorire le adozioni e promuovere la sterilizzazione dei randagi”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.