Canile municipale, Orlando annuncia che gli animali non saranno trasferiti. Ma solo per ora :ilSicilia.it
Palermo

Orlando: "Mi stupisce che chi fa opinione nel nostro Paese le faccia sulla base di dati che sono notoriamente errati".

Canile municipale, Orlando annuncia che gli animali non saranno trasferiti. Ma solo per ora

di
29 Marzo 2017

La “guerra dei cani” a Palermo arriva in Tribunale. Il Comune ha predisposto una relazione e la farà avere alla procura della Repubblica. Nella struttura di via Tiro a Segno dal 3 aprile dovrebbero partire i lavori di ristrutturazione. Lì si trovano ancora 94 cani, che avrebbero dovuto essere trasferiti per avviare i cantieri. Dopo le proteste dei giorni scorsi e la decisione della Regione di procedere ad ulteriori controlli in una struttura di Ragusa, che avrebbe dovuto accogliere alcuni animali, il comune ha bloccato i trasferimenti. Almeno per il momento. Ma assicura che dalla prossima settimana partiranno i lavori e che si sta lavorando ad una soluzione.

“Intendiamo perseguire chi ha diffamato l’amministrazione comunale – ha detto il sindaco di Palermo Leoluca OrlandoI legali stanno esaminando tutte le dichiarazioni rese in questo periodo nei confronti dell’amministrazione e per i quali intendiamo procedere”.

E’ singolare che quanti sono intervenuti, persino esperti abbiamo affermato cose diffamatorie. Parlare di vivisezione è fuori luogo perché i cani randagi non possono essere utilizzati per la vivisezione”. Il riferimento non proprio velato è ad alcune dichiarazioni postate su Facebook in un video dalla conduttrice e animalista Licia Colò.

Poi la stoccata: “Mi stupisce che chi fa opinione nel nostro Paese le faccia sulla base di dati che sono notoriamente errati. Bastava consultarsi con chiunque si occupa di animali e li ama. Una dichiarazione diffamatoria detta da una che dice di essere esperta e che si è rivelata assolutamente inesperta”.

orlando accusaIl Comune ha assicurato che la tracciabilità degli animali del canile è garantita e insieme alla relazione inviata ai magistrati anche “ l’elenco è a disposizione della procura della Repubblica”. Nei mesi scorsi, il Comune ha avviato la campagna “Io con Fido” per incentivare le adozioni dei randagi, prevedendo un contributo di 480 euro ad animale. Stando ai dati forniti, dal 2012 oggi l’amministrazione ha speso 4 milioni di euro per le strutture che in questi quattro anni hanno accolto 294 animali.

Per ciascun cane il costo annuo è stato di 2.080 euro. “Nel 2012, quando ci siamo insediati – ha sottolineato il sindaco Leoluca Orlando abbiamo trovato il canile comunale in condizioni da lager, abbiamo ritenuto di procedere con una gara per effettuare degli interventi di ristrutturazione”. Poi ha assicurato: “Da oggi l’affidamento di cani a 2.080 euro, sine die a cane non li darà più. Queste somme sono state concesse finora perché eravamo in condizione di emergenza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.