Cantante "furbetta" incide disco neomelodico coi soldi del reddito di cittadinanza :ilSicilia.it
Catania

I fatti sono avvenuti a Catania. Lei è AGATA ARENA

Cantante “furbetta” incide disco neomelodico coi soldi del reddito di cittadinanza

11 Ottobre 2019

Usa i soldi del reddito di cittadinanza per incidere il suo primo lavoro discografico.

Succede a Catania, dove un’aspirante cantante neomelodica, Agata Arena, e due suoi familiari, che dal luglio scorso percepivano illegalmente 709 euro ciascuno di reddito di cittadinanza, sono stati denunciati, dal personale del commissariato di polizia Librino di Catania, per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Durante controlli nel popoloso rione agenti hanno scoperto un minimarket con dei cartelloni pubblicitari con una donna che pubblicizza il “primo lavoro discografico – nuovo album uscita primi di novembre“.

Sia i cartelloni che la struttura commerciale erano abusivi. La donna ha dichiarato di essere un’artista neomelodica e che aveva investito 3.000 euro per incidere, con una nota casa discografica, 4 brani, già pubblicati, e un quinto inedito in uscita, e che aveva ancora bisogno di altri soldi per incidere l’intero album contenente 8 brani.

L’Inps ha comunicato ai tre la decadenza del reddito di cittadinanza.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.